Faccio il sovversivo 2.0
2 Novembre 2023

Ciclicamente torniamo a parlare di Berco

di Faccio | 3 min

Leggi anche

Candidates Served

Elezioni 2024, mi dispiace, ma siamo al tracollo della politica locale.
Candidare persone solamente perché conosciute in paese senza che esse abbiano un minimo di “affare pubblico” è poco lungimirante.
 Non basta girare per il centro con tutta la famiglia e il cane al seguito nei giorni prima delle elezion

Dolce Enrico

Ti ho incontrato in una serata piovosa di un po’ di anni fa, eri giovanissimo, educato e gentile, educato e gentile lo sei ancora…

25 volte noi, ma anche di più…

Ci vedevamo da ragazzi, eravamo vicini di casa. Nel mio cuore ho sempre sperato che un giorno potessimo incontrarci e stare insieme...

Sindaco e Nutella

Ho ricevuto un’interessante mail dal Gruppo 10 Giugno e ve la propongo con alcune integrazioni personali, sperando che porti ad una riflessione. Il Gruppo 10 Giugno nasce il giorno dopo la sconfitta del CentroSinistra a Copparo e ribadisce oggi il proprio...

1° Maggio di lotta e di lavoro

Forse non ci siamo ancora accorti di tutte le ingiustizie che ogni giorno ci trascinano verso il baratro. Restiamo uniti santa pazienza, altrimenti sarà la fine

Provo a parlarne in modo propositivo, a mio avviso i contratti di solidarietà sono una grande conquista per tutto il popolo Berco, in questo momento non si poteva fare di più.

Personalmente vorrei ringraziare il segretario provinciale della FIOM-CGIL Giovanni Verla che lascerà il posto ad una “vecchia” conoscenza Berco, Stefano Bondi a cui auguro di riportare la FIOM-Berco nel posto dove deve stare.
Ho conosciuto Giovanni nel 2009, era uno studente universitario, ci incontrammo al circolo di Rifo a Copparo, quella sera fu per me un colpo di fulmine, andai per esporre le dinamiche della prima grande vera crisi Berco, abituati (purtroppo) a una sorta di fabbrica assistenziale, con lui altri 2 ragazzi giovani, Calderoni Stefano ed Elisa Corridoni, non mi ero mai interessato di politica attiva, con loro capii che si poteva fare.
Saluto e ringrazio pubblicamente tutti e tre, qualunque ruolo abbiano in questo momento nella società, persone con ideali del genere sono rare.
Difficilmente si riesce a capire le dinamiche durante le vertenze e gli incontri tra parte sociale e azienda, io potrei mettere una mano sul fuoco quando a parlare e a rappresentarmi c’è Giovanni Verla, studioso e conoscitore di tutto quello che riguarda i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori.
Grazie per sempre Giova!!!
Saluto anche, e perché no? l’ex amministratore delegato Piero Bruno, che ha lasciato il posto in questi giorni, anche se dopo la presentazione del “nuovo” marchio è stato criticato da tanti.
Salutava sempre tutti in modo fin troppo sorridente, ma salutava, lo dico per i dirigenti che prenderanno il suo posto: salutare non costa nulla, siate più abili e scaltri, basta un semplice saluto per far felici gli operai…
Il lavoro svolto in confronto ad altri suoi predecessori è stato più che positivo, lui è i suoi hanno risanato Berco portandola in attivo.
Ora vedremo se questo pazzo mercato sarà di nuovo clemente per far ripartire la “nostra”Berco.
Poi però penso all’occupazione territoriale, mi vengono alla mente gli anni in cui entravano in fabbrica tanti giovani, dove sono finiti quei tempi?
Non si era detto che amministrazione Comunale e management avrebbero dovuto incontrarsi sistematicamente?
Ma questo accade?
Non si sa niente, mi ricordo anche la vecchia amministrazione dire che non si poteva prescindere solamente da Berco.
A mio avviso dovrebbe essere la politica e i politici locali ad escogitare soluzioni, sono retribuiti e hanno il tempo per farlo, forza un po’ di ingegno, anche se la maggior parte della giunta non è di Copparo, non vuol dire che non si debbano accollare il problema…
Quest’anno saranno trent’anni anche per me, diciamo che ne ho viste e sentite abbastanza, “LA BERCO SIAMO NOI” su tutte, accompagnato dalla sempre mitica Radio Berco che rimane accesa e spara boiate
24h su 24h, ma questa è un altra storia, ve la racconterò.
Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com