Tresignana
19 Ottobre 2023
Mercoledì pomeriggio l'udienza di discussione dell'opposizione alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura. L'avvocato dei due indagati: "L'unica colpa dei miei assistiti è quella di essere innocenti"

Duplice omicidio di Rero. “Inumano chi sa e non parla. Si finisce per essere complici”

di Davide Soattin | 3 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

Laura Perelli incontra i dirigenti Coldiretti di Tresignana

Laura Perelli, candidata sindaca per il comune di Tresignana, ha incontrato i dirigenti della Sezione Coldiretti locale, con alla testa il presidente Luciano Guglielmo e i componenti il consiglio di sezione assieme al segretario di zona Paolo Ferrozzi

Soffocò il figlioletto di un anno. Ventidue anni per la mamma

Arriva una condanna per Amanda Guidi, la 31enne ferrarese accusata di omicidio volontario aggravato per aver soffocato e ucciso, nella nottata del 17 giugno 2021, all'interno della loro casa di via degli Ostaggi, il figlioletto di appena un anno che stava dormendo nel letto insieme a lei

Caporalato. “Senza contratto ci rifiutammo di lavorare”

"Ci eravamo rifiutati di lavorare perchè mancava il contratto". A parlare ieri (mercoledì 15 maggio) in aula, sentito come testimone, è stato un 29enne di nazionalità senegalese, tra gli operai impegnati a svolgere le operazioni di bonifica del focolaio di aviaria che scoppiò il 5 ottobre 2017 nello stabilimento Eurovo di Codigoro, dove gli inquirenti, coordinati dal pm Andrea Maggioni, avrebbero scoperto un vasto sfruttamento di manodopera di lavoratori stranieri

Tresignana. Due innocenti, due colpevoli e una richiesta d’appello a chi potrebbe saperne di più. È da pochi minuti finita l’udienza di discussione dell’opposizione alla richiesta di archiviazione davanti al gip Silvia Marini, quando l’avvocato Stefano Marangoni, legale difensore di Filippo e Manuel Mazzoni, fuori dall’aula, ribadisce la totale estraneità dei suoi due assistiti dal duplice omicidio dei cugini Dario e Riccardo Benazzi, uccisi e poi bruciati il 28 febbraio 2021 a Rero. “L’unica colpa dei miei assistiti è quella di essere innocenti” afferma, concordando con la lettura data dalla Procura di Ferrara.

Secondo gli inquirenti infatti, nonostante siano diversi e tutti compatibili con l’ipotesi accusatoria che li individua come autori materiali delle condotte di omicidio e soppressione di cadavere, gli elementi di sospetto nei confronti di padre e figlio, raccolti durante l’attività investigativa, sarebbero sì compatibili con la ricostruzione dei fatti fornita dall’accusa, ma non possederebbero quei riscontri concreti e puntuali che sarebbero utili e necessari a sostenere la responsabilità degli indagati e di escludere qualsiasi altra ipotesi alternativa.

Da qui la richiesta di archiviazione avanzata dai pm, accolta con parere positivo dalla difesa. “Ritengo – spiega l’avvocato Marangoni – che già tutto sia negli atti. Ci sono perizie biologiche e genetiche che scagionano completamente i miei assistiti. Non so se anche il giudice li scagionerà o se deciderà di far indagare qualcun altro, ma di certo i miei clienti questo omicidio non l’hanno fatto. Non ci sono prove e nemmeno indizi, così come era infondata pure la richiesta di misure cautelari poi respinta dal gip e dal Riesame. La stessa Procura parla di meri sospetti“.

Di tutt’altro avviso l’avvocato di parte civile Denis Lovison che, opponendosi a quanto avanzato dai sostituti procuratori, ha chiesto – insieme al collega Massimiliano Sita – ulteriori approfondimenti: “Attendiamo fiduciosi perché ci sono elementi plurimi e convergenti sui due indagati. Tutto dipenderà dall’interpretazione del gip. A mio avviso ci sarebbe già il necessario per andare a processo, ma noi non vogliamo solamente quello. Vogliamo anche arrivare alla condanna“.

Lo sperano, in cuor loro, anche Michela e Romina Benazzi, figlie di Dario, e la nipote Nicla Perego, che non si danno per vinte nella speranza di arrivare alla verità. “Di indizi ce ne sono tanti ed è giusto che si vada avanti” dicono all’unisono, “e vogliamo andare avanti e non ci fermeremo certo qui” promettono, lanciando anche un appello ad eventuali testimoni che possono aver visto qualcosa e ancora non si sono fatti avanti: “Se qualcuno sa – dicono – e non parla, non è umano. Lo faccia perché sennò si finisce per essere complici“.

Al termine dell’udienza, il gip Silvia Marini si è riservata e la decisione, se accettare la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura, disporre indagini suppletive o ordinare l’imputazione coatta per i due indagati, è attesa più avanti.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com