Mesola
28 Marzo 2023
Un'ora di interrogatorio davanti al gip per il 27enne Giacomo Bovolenta, accusato di aver provato ad ammazzare con una balestra e un machete il suo amico Davide Menegatti

Tentato omicidio Mesola. “Ho agito di impulso, ma non ho mai pensato di ucciderlo”

di Davide Soattin | 2 min

Leggi anche

Carabiniere picchiato in Gad. Convalidato l’arresto del suo aggressore

Il giudice Carlotta Franceschetti del tribunale di Ferrara ha convalidato l'arresto per evasione del 46enne di nazionalità macedone che, nel pomeriggio di giovedì 29 febbraio, insieme a suo figlio 22enne, ha aggredito un carabiniere del Norm di Ferrara, mentre si trovava fuori servizio, picchiandolo in via monsignor Luigi Maverna, zona in cui ha sede l'Agenzia delle Entrate, dietro la stazione ferroviaria, in Gad

Altre aggressioni nel carcere di via Arginone

Altre aggressioni ai danni dei poliziotti penitenziari. Le denunciano i sindacati Sinappe, Osapp, Uil-Pa, Uspp e Fns-Cisl all'interno del carcere di via Arginone dove, nella mattinata di martedì 27 e nella serata di mercoledì 28 febbraio, il personale in divisa è stato trasportato al pronto soccorso per curare alcune lesioni che gli sono costate diversi giorni di prognosi

Mazzetta alla Motorizzazione. Cambiano alcune accuse

È tornato in aula il processo per le presunte mazzette alla Motorizzazione Civile di Ferrara, scoperte dalla maxi-inchiesta Ghost Inspections grazie al lavoro degli uomini della Guardia di Finanza e della Polizia Stradale, dietro il coordinamento del pm Andrea Maggioni, titolare del fascicolo di indagine, che ha chiesto il rinvio a giudizio di 72 persone

Resterà nel carcere di via Arginone, Giacomo Bovolenta, il 27enne che nella serata di venerdì 24 marzo avrebbe tentato di uccidere un suo amico, il 28enne Davide Menegatti con il dardo di una balestra e un machete.

Ieri infatti, lunedì 27 marzo, in tribunale a Ferrara, si è tenuta l’udienza di convalida dell’arresto davanti al giudice per le indagini preliminari Silvia Marini, con cui è stata confermata la custodia cautelare in cella, nonostante la richiesta di domiciliari avanzata dal suo legale, l’avvocato Giuseppe Stefani.

Bovolenta – come raccontato dal suo difensore – ha parlato per un’ora e ha fornito la propria versione dei fatti, spiegando di “aver agito d’impulso” nel momento in cui ha colpito al collo la vittima, senza “mai aver pensato di volerlo uccidere“.

Quanto invece al successivo utilizzo del machete, l’aggressore ha raccontato di averlo impugnato dopo aver visto che Menegatti – appena colpito dal dardo – stava tornando indietro per “affrontarlo con fare aggressivo, decidendo così di difendersi“.

Durante l’ora di interrogatorio è stato poi affrontato anche il tema legato alla quantità di sostanze stupefacenti (1,3 kg di marijuana e 8 etti di hashish, ndr) ritrovate nell’abitazione del ragazzo che, secondo il proprio legale, non sarebbero addebitali a lui.

Intanto, resta in ospedale, ma non in un reparto intensivo, Davide Menegatti. Le sue condizioni, apparse sin da subito abbastanza gravi, si sono ristabilite ed è fuori pericolo. Se la dovrebbe cavare con una prognosi di trenta giorni.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com