Argenta
25 Marzo 2023
Cento statuette raffiguranti Don Minzoni, a fianco dell’antica Torre del Primaro, sono nel piano lavori dell’associazione “ArgentArte” che intende così commemorare il centenario del martirio dell’allora parroco ucciso la notte del 23 agosto 1923. Una di queste statuette, la prima, è stata donata al museo minzoniano di Via Gramsci

Una statua di don Minzoni al museo di Argenta per commemorare il centenario del martirio

di Redazione | 3 min

Leggi anche

La ‘nave’ Coop Bellini in porto dopo la tempesta

“Una nave che ha subìto ingenti danni, ma che alla fine è riuscita ad arrivare in porto”. E’ questo lo scatto più incisivo di una serie di fotografie che immortalano la situazione della “Cooperativa agricola Braccianti Giulio Bellini” di Filo

Violento tamponamento a Consandolo, due famiglie in ospedale

Doveva essere una giornata di spensieratezza e divertimento per due famiglie che invece si sono ritrovate loro malgrado coinvolte in un incidente a Consandolo, con sei feriti, tra cui due minori di 6 anni, nessuno fortunatamente con gravi conseguenze

Auto fuori strada nella notte, paura per due conducenti

Due paurosi incidenti nella notte in provincia di Ferrara, due fuoriuscite autonome di strada, ma fortunatamente senza gravi conseguenze per i rispettivi conducenti. Il primo a jolanda di Savoia, il secondo a Traghetto di Argenta

di Giada Magnani

Argenta. Cento statuette raffiguranti Don Minzoni, a fianco dell’antica Torre del Primaro, andata distrutta dai bombardamenti aerei della Seconda guerra mondiale e poi ricostruita, sono nel piano lavori dell’associazione “ArgentArte”.  Che intende così commemorare il centenario del martirio dell’allora parroco della chiesa della Collegiata, ucciso in un agguato tesogli da sicari fascisti la notte del 23 agosto 1923. Una di queste statuette, la prima, è stata donata al museo minzoniano di Via Gramsci. Che a fianco della casa di riposo per anziani parrocchiale, raccoglie una vasta collezione di cimeli, foto, scritti, e documenti che testimoniano la vita e le opere del prete, soldato ed educatore di nuove generazioni il quale, pionieristicamente, fondò in Italia una squadra di scout, per i quali sacrificò l’esistenza pagando con la morte, avvenuta all’età di 33 anni, i contrasti generati per questo motivo con il regime del tempo.

Nell’occasione della consegna effettuata nelle mani del curatore della mostra, Sergio Caranti, il presidente del sodalizio, Urbano Mengozzi, affiancato dal suo Vice Massimo Roberti, ha motivato il gesto come “un omaggio per onorare la memoria storica e culturale del religioso. Che, ad un secolo di distanza, è ancora caro a tutta la nostra comunità”. Poi ha aggiunto che le restanti sculture, plasmate in ceramica e bronzo, “a lavori ultimati saranno dipinte da studenti e saranno esposte nelle scuole”. Di più “stiamo anche mettendo mano-aggiunge Mengozzi-ad una quarantina di formelle graffite. Piccoli bassorilievi insomma. Che saranno poi incorporati in un pannello che racconta per immagini il percorso umano e spirituale del sacerdote. E che sarà visibile in un luogo pubblico, scelto dall’amministrazione comunale, che collabora a questi progetti”.

Dalla tragica notte del martirio di Don Minzoni son passati 100 anni, ma ad Argenta e dintorni il ricordo di Don Minzoni non si è spento. Tanto che a lui son state intitolate vie, scuole, asili, centri di accoglienza, di aggregazione sociale, giovanile e sportiva. Ed ora si attende la sua beatificazione. Un processo questo già avviato in Vaticano, come ha annunciato il parroco Don Fulvio Bresciani. In quest’ottica al momento gli è stato conferito il titolo di “Servo di Dio”. Ma Don Minzoni (Don Sven) è stato anche un eroico cappellano militare in trincea, tra le fila del 255° reggimento di fanteria, sul Monte Zebio, dove è stata posta una targa commemorativa, così come sul punto della fatale aggressione.

Sulla sua tomba in duomo, e su quella di Don Santo Perin, ucciso a Bando mentre l’ultimo giorno del conflitto dava sepoltura ad un soldato tedesco, si è soffermato in preghiera Papa Giovanni Paolo II, durante la sua visita del 1991. Ma anche molti personaggi politici, e presidenti del senato e della Repubblica: da Franco Marini che tagliò il nastro del museo nel 90° anniversario, a Sergio Leone che inaugurò il monumento di Angelo Biancini; da Oscar Luigi Scalfaro sino a Francesco Cossiga.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com