Bondeno
7 Dicembre 2021
Il sindaco Saletti e l’assessore alla Sicurezza Bonati: "Si punta all’efficientamento delle procedure e alla concertazione degli obiettivi. Fare squadra è il modo migliore per prevenire l’azione di pochi incivili"

A Bondeno in arrivo gli ‘ispettori ambientali volontari’

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Terremoto Pd. Il segretario di Ferrara si dimette

Il segretario comunale del Partito democratico si è dimesso. Lo ha fatto alla prima occasione utile, quella dell’assemblea comunale che doveva fare i conti con la cocente sconfitta subita alle elezioni di giugno

Broker assicurativo a giudizio per truffa

La procura della Repubblica ha emesso il decreto di citazione a giudizio nei confronti del broker assicurativo Luca Stradiotto, 41 anni. L'uomo è accusato di truffa nei confronti di clienti che all'epoca curava per conto delle assicurazioni Generali (compagnia per la quale non lavora più dal 2020)

Ferrara Buskers Festival 2024: un’immersione totale nell’arte di strada

Ferrara si prepara ad accogliere la 37ª edizione del Ferrara Buskers Festival, l’evento internazionale che trasforma la città in un palcoscenico a cielo aperto dal 21 al 25 agosto, con un’anteprima a Comacchio il 18 agosto. Quest’anno il festival, che sarà a pagamento, si svolgerà su oltre 1000 mq appena fuori dal cuore della città tra il suggestivo Corso Ercole d’Este e il Quadrivio degli angeli

Bondeno. Sta per nascere a Bondeno la figura dell’ispettore ambientale volontario: individui formati e preparati per prevenire e contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti.

Si è infatti concluso da poco il corso di formazione per gli agenti di Polizia locale, per i responsabili degli uffici Ambiente dei comuni di Bondeno, Terre del Reno e Poggio Renatico, e per i membri delle associazioni di volontariato del territorio quali Plastic Free Bondeno e Agriambiente Ferrara.

“L’obiettivo generale – spiegano il sindaco di Bondeno, Simone Saletti, e l’assessore alla Sicurezza, Ornella Bonati – è l’efficientamento delle procedure. Arrivando a una gestione unitaria e coordinata delle procedure di accertamento delle violazioni, si potrà agire con maggiore tempestività e puntualità, nell’ottica di garantire sempre maggiore decoro urbano e tutela per l’ambiente”.

Sappiamo che chi abbandona i rifiuti – proseguono Saletti e Bonati – è una esigua minoranza della popolazione ed è proprio in relazione al contrasto di questi pochi individui che l’azione congiunta di più attori può risultare efficace. L’abbandono è un costo che poi va a riversarsi sulla bollettazione delle utenze domestiche e non domestiche. Ne consegue che la prevenzione costituisca un guadagno per tutti”.

Nelle prossime settimane, dunque, l’obiettivo è quello di arrivare alla sottoscrizione di un modello unitario d’intervento da parte delle associazioni di volontariato operanti sul territorio. Ma, naturalmente, non è la sanzione lo strumento principale da mettere in campo, “bensì quello che occorre è un vero e proprio cambio di abitudini da parte dei soggetti che deturpano il decoro urbano – sono le parole dell’assessore Bonati –. A partire dai più giovani, ma in generale abbracciando tutte le fasce d’età, nel prossimo futuro si arriverà all’organizzazione di diversi momenti d’informazione e sensibilizzazione aperti a tutta la cittadinanza”.

Soddisfatto dello sviluppo del corso orientato alla nascita degli ispettori ambientali volontari è Stefano Ansaloni, comandante del corpo di Polizia locale dell’Alto ferrarese: “Questo corso è una novità assoluta, sia per la promozione dell’interdisciplinarità nel contrasto a un singolo fenomeno (quello dell’abbandono dei rifiuti, ndr), sia per la compartecipazione di attori istituzionali, agenti e volontari”.

La missione orientata al decoro ambientale e alla tutela dell’ambiente deriva dall’aggiudicazione da parte del corpo di Polizia locale del bando regionale per la qualificazione dei corpi. Il progetto messo in campo è quindi interamente orientato all’ambiente e al territorio, agendo sì sul fronte della repressione (ad esempio mediante l’installazione di fototrappole), ma soprattutto percorrendo il binario della prevenzione e della promozione di una vera e propria cultura ambientale.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com