Attualità
13 Marzo 2020
Donazioni spontanee su GoFundMe per sostenere la Terapia Intensiva. Il Sant'Anna attiva il suo conto corrente

Coronavirus, lanciata raccolta fondi per gli ospedali di Cona e del Delta

di Redazione | 3 min

Leggi anche

La Polizia di Stato contro la violenza di genere

La Polizia di Stato rilancia “Questo non è amore”, la campagna permanente di comunicazione contro la violenza di genere, attraverso uno spot televisivo e sui canali social. Lo spot ricorda che la violenza sulle donne è un fenomeno che riguarda tutti noi, ogni giorno, non solo quando accade un fatto drammatico, quando celebriamo una triste ricorrenza o il 25 novembre, Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donn

Impegnati su più fronti i pescatori sportivi ferraresi

Ovviamente intensa in questo periodo dell’anno, l’attività dei pesca sportivi ferraresi impegnati su più fronti. Il Trofeo di Serie A2 ha disputato la seconda e terza prova sul campo di gara del Cavo Lama a Novi di Modena, canale che ha dato una buona resa con...

Ferrara Summer Festival. Il bilancio della Questura

Un periodo particolarmente intenso quello del Ferrara Summer Festival per la Questura di Ferrara che traccia un resoconto delle attività svolte che hanno visto l'impegno di 411 operatori tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale, oltre ai 22 funzionari che si sono alternati per dirigere ogni serata

Più solidali nelle difficoltà, più generosi nell’emergenza. In tutta Italia fioccano raccolte fondi per aiutare gli ospedali a gestire l’emergenza Coronavirus, e Ferrara non è da meno.

Anche nella città estense è infatti nata una raccolta fondi spontanea per sostenere l’ospedale Sant’Anna di Cona in questa fase critica. L’intero ricavato verrà devoluto all’Unità Operativa di Terapia Intensiva, che si sta attrezzando per far fronte a questa emergenza giocando d’anticipo.

La lodevole iniziativa è stata lanciata sul sito GoFundMe da Erika, Annadriana, Alessandro (team del negozio Arti Urbane a Ferrara) a cui si è aggiunto Angelo.

“Su di noi non c’è altro da sapere, non siamo noi al centro, ma la solidarietà” assicurano i promotori, “in contatto con l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, in particolare con la Dott.ssa Maricchio referente dell’Area Comunicazione e Accoglienza, la quale ci sta fornendo indicazioni su come destinare la somma correttamente”.

In appena due giorni sono stati raccolti oltre 12mila euro su un obiettivo ambizioso di 100mila euro. Al momento in cui scriviamo si sono superati i 400 donatori, ma se ne aggiungono altri ora dopo ora.

“Grazie a tutti coloro che stanno contribuendo, siete davvero eccezionali! E grazie a chi ci aiuterà a raggiungere il nostro grande obiettivo. Scalda il cuore vedere che c’è ancora la voglia di fare del bene: insieme sicuramente arriveremo a meta” è l’appello rivolto “ai cittadini e all’intera comunità” da parte del team solidale, assicurando che “la donazione sarà resa trasparente con la visualizzazione del bonifico a favore dell’azienda non appena la raccolta sarà terminata”.

Un’analoga iniziativa, sulla stessa piattaforma, è stata lanciata per l’ospedale del Delta da Elisa Pretato, 28enne residente ai Lidi di Comacchio, che ha pensato di attivare questa raccolta fondi per supportare il reparto di Terapia Intensiva a Lagosanto.

“In un momento di emergenza come quella che stiamo affrontando oggi, medici, infermieri e personale ospedaliero stanno svolgendo tutto ciò che in loro potere. Facciamo la nostra parte: aiutiamoli con un piccolo contributo. Anche la donazione più piccola può fare la differenza. In questi momenti bisogna rimanere uniti” è l’appello di Elisa, che ha già preso contatti con l’ospedale de Delta per poi procedere al versamento della somma a campagna conclusa. In questo caso, per ora, si sono raggiunti i 1200 euro su un obiettivo di 5mila euro.

Anche la stessa Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, nell’esprimere un profondo ringraziamento per tutti coloro che vogliono dimostrare solidarietà e sostegno alle attività dell’ospedale di Cona in prima linea nella gestione della crisi, ha attivato una procedura “snella” per consentire a tutti i cittadini di donare ciò che possono come “gesto di vicinanza al nostro personale che oggi, più che mai, è impegnato in una durissima battaglia dimostrando impegno e abnegazione per la gestione dell’emergenza”.

I cittadini, le associazioni e le imprese che decideranno di dare un contributo avranno la garanzia che tutto ciò che verrà raccolto sarà utilizzato dall’ospedale di Cona per la gestione dell’emergenza coronavirus. Per donare sarà sufficiente effettuare un bonifico con causale: “Donazione per emergenza coronavirus” sul conto corrente aziendale intestato all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara- Banca Intesa San Paolo S.P.A. con Iban IT80W0306902477100000046050 e Bic BCITITMM. È molto importante, nella causale, inserire un proprio riferimento telefonico e/o mail.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com