Eventi e cultura
30 Novembre 2018
Sabato e domenica doppio appuntamento con l’arciduca Martino, nipote di Beato Carlo d’Austria. Ce ne parla il delegato ferrarese dell’unione a lui dedicata

Dagli Asburgo a Ferrara, aspettando le reliquie dell’Imperatore

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Offese, minacce e botte alla compagna. La salva la polizia

L'avrebbe offesa e minacciata, arrivando anche a metterle le mani addosso in due occasioni. Oggi per quei fatti, avvenuti tra lo scorso settembre e l'inizio di febbraio di quest'anno, un ferrarese di mezza età deve rispondere di maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti della sua compagna, una donna ferrarese coetanea con cui conviveva che, stanca di quella situazione, ha preso coraggio e ha deciso di denunciare tutto alla polizia di Stato, dopo l'ennesima lite

Viaggiavano con arnesi da scasso e coltelli in auto, guai per una coppia

Ricettazione, porto abusivo di armi e possesso ingiustificato di arnesi da scasso. È quello di cui dovranno rispondere una coppia di origini georgiane, 45 anni lui e 26 anni lei, entrambi abitanti a Roma che, nella mattinata di giovedì 22 febbraio, sono stati fermati dai carabinieri mentre si trovavano a bordo della loro automobile, durante un normale controllo

Lotta al crimine. La polizia pattuglia la zona Gad

Due servizi straordinari di controllo del territorio. Sono quelli che nel pomeriggio del 20 febbraio e nella mattinata del 23 febbraio sono stati svolti dal personale dell'Upgsp della Questura di Ferrara unitamente alle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine dell'Emilia-Romagna di Bologna

Usano il taser durante la rissa, poi scappano. In auto avevano droga e coltello

Tre persone, originarie del Nordafrica e dell'est Europa, sono finite nei guai dopo che, nella serata di sabato 24 febbraio, a seguito di una segnalazione per lite, i poliziotti dell'Upgsp della Questura sono intervenuti in un'abitazione situata in una frazione della periferia nord della città, da cui due partecipanti si erano allontanati prima dell'arrivo degli agenti sul posto

di Cecilia Gallotta

Manca ormai poco all’arrivo in città delle reliquie di Carlo d’Asburgo-Este – già preannunciate alla presenza dell’arcivescovo Gian Carlo Perego – che sabato e domenica verranno poste in tre luoghi spiritualmente significativi per mano dell’arciduca Martino d’Asburgo-Este, niente meno che nipote di Carlo. All’imperatore (beatificato nel 2004 da Giovanni Paolo II) è dedicata l’unione di preghiera internazionale Gebetsliga, di cui ci parla il delegato ferrarese Massimo Martinucci, assieme agli eventi che legano indissolubilmente questa importante figura alla nostra città.

Che cos’è la Gebetsliga? 
E’ nata quando Carlo era ancora un bambino e si è sviluppata in tutta Europa e anche oltreoceano. Si è connotata sempre di più come Unione di preghiera per la Pace e la Fratellanza tra i Popoli, per via delle caratteristiche della santità dell’imperatore, unico governante del tempo che raccolse il grido di papa Benedetto XV (“fermate l’inutile strage!”). Salito al trono nel 1916 dopo la morte di Francesco Giuseppe, fece di tutto per porre immediatamente fine alla prima guerra mondiale, sebbene purtroppo i suoi tentativi rimasero inascoltati.
 

Come nasce a Ferrara e perchè? 
Fin da ragazzo rimasi affascinato dalla figura di questo straordinario personaggio e mai avrei allora immaginato di vederlo sugli altari, poiché molta storiografia ufficiale falsamente lo descrive come un debole e un inetto.  Dopo la beatificazione ho incontrato monsignor Arnaldo Morandi, sacerdote di Brescia e assistente nazionale della Gebetsliga, e con alcuni amici ho fondato la delegazione di Ferrara che ha iniziato riunioni regolari nel 2014.
 

A quando risale l’idea di portare le reliquie nella nostra città?
Ben prima della fondazione della delegazione ferrarese, tramite l’assistente nazionale, che è anche vicepostulatore della causa di canonizzazione, chiesi una reliquia da porre in una chiesa a Ferrara, ma poi il terremoto del 2012 bloccò tutto.

Come ci siete riusciti dunque?
Ora finalmente, per intervento diretto dell’arcivescovo e con la decisiva collaborazione di monsignor Morandi e dell’assistente ferrarese don Davide Benini, il nipote del beato Carlo arciduca Martino d’Asburgo-Este porterà personalmente le reliquie. 

Cosa avverrà l’1 e il 2 dicembre? 
Sabato, nel convento delle monache benedettine di Sant’Antonio in Polesine, dove già sono conservate reliquie dei santi estensi, alle ore 18 dopo un momento di adorazione e una sacra rappresentazione, avverrà la consegna della prima reliquia e il dono delle monache di una icona per la Cattedrale. Domenica, alla messa pontificale delle ore 19 dell’arcivescovo seguirà il solenne posizionamento dell’icona e della reliquia all’altare di Maria Regina dei Santi. Per questa occasione la Penitenzieria Apostolica ha concesso l’Indulgenza plenaria, alle consuete condizioni. La terza reliquia troverà devozione presso il Santuario del Crocefisso, sede abituale degli incontri ferraresi della Gebetsliga.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com