Eventi e cultura
20 Settembre 2018
L'esposizione fotografica in piazza Municipale per "FEsta in Pace"

NoIdentity, Arcigay mostra i ritratti di chi scappa dall’omofobia

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Il Palio di Ferrara va a San Giovanni

Tanta attesa prima di partire, ma ancora una volta il palio ferrarese si conferma un appuntamento imperdibile e dalle mille emozioni. L'ultima gara del palio 2024 è una vera e propria bolgia. Dopo l'arrivo sulla pista dei fantini, si deve aspettare un'ora...

Palio. San Luca vince la corsa degli asini

Febbre da palio a Ferrara. Tantissimi presenti, curve caldissime e dalle ugole roventi: è tornato l'evento più atteso da tutti i ferraresi. Prima di iniziare, solita sfilata delle contrade dal centro a Piazza Ariostea, con banda e sbandieratori al seguito. Una festa per la città, una festa per tutti

Sul Palio l’ombra del “Dubbio”: sequestrato dai Forestali uno dei cavalli di Pusceddu

Un Dubbio si è abbattuto come una tegola sul Palio di Ferrara, in particolare su una delle otto contrade, San Luca. Dubbio è infatti il nome di uno dei due cavalli di Valter Pusceddu, il fantino di San Luca appunto, che i Carabinieri del Gruppo Forestale di Siena ha posto sotto sequestro. Il secondo cavallo di Pusceddu, Arraju, è invece 'sotto osservazione' e ancora non è chiaro se potrà correre il Palio questa sera in piazza Ariostea

Il premio “Storie di pianura” a Pierluigi Tamborini con “Sale, tabacchi e chinino di Stato”

“La sua mappa prevedeva due fiumi, una laguna, paludi e valli  da pesca, terra strappata al mare e coltivata per i nobili da cui quei luoghi avevano preso il  nome, Ca’ Morosini ad esempio, frazione di Rosolina” è un passaggio del racconto “Sale, tabacchi e chinino di Stato" di Pierluigi Tamborini di Casier (Tv) che ha conquistato la giuria  del premio nazionale di narrativa “Storie di pianura”

Una serie di ritratti di persone che scappano dall’omofobia e si nascondono per la paura e il terrore delle persecuzioni. Il tema della discriminazione e persecuzione di persone lgbti migranti o emigrate in Italia è al centro della mostra fotografica “NoIdentity” che verrà inaugurata venerdì 21 settembre alle 16 in piazza Municipale, dove resterà allestita fino a sabato 22 settembre in occasione di “FEsta in Pace”.

Alla presentazione-inaugurazione della mostra – realizzata dalla fotografa Luciana Passaro e curata da Arcigay Ferrara con il patrocinio del Comune di Ferrara – interverranno la stessa fotografa Passaro e l’assessore alle Pari Opportunità Massimo Maisto.

Dal 24 settembre al 1° ottobre l’esposizione itinerante si sposterà nella sala dell’Albo Pretorio del municipio e dal 5 al 14 ottobre sarà allestita presso il circolo Arci Bolognesi in occasione del festival di Internazionale.

Il nuovo progetto fotografico guida lo sguardo verso i Paesi che condannano l’orientamento sessuale con pratiche di violenza e odio. “Oltre 70 Paesi nel mondo condannano la non conformità ai codici binari ed eteronormati: omofobia, transfobia, intolleranza per qualsiasi differenza. Anche nei paesi civili lo stigma, sepolto a fondo nelle coscienze, nega la libertà di esistere – spiegano da Arcigay -. NoIdentity è un progetto che denuncia la disumanizzazione che ne deriva, ci parla di migrazioni, di transizioni dei corpi e dell’anima”.

Fotogrammi di umanità negata e identità celate, volti nascosti, sguardi bassi, occhi sbarrati fuggono il giudizio nella ricerca continua di un anonimato che protegga. “Un’oscurità temuta, ma che è scelta obbligata – precisa Arcigay – finché non si è forti abbastanza per spezzare le catene, strappare via i veli. E fuggire. Lontano da luoghi che non appartengono, lontano dalle ipocrisie e dai silenzi, lontano da sé. Un velo come metafora di un io dissimulato, una benda che nasconde, una mano che preserva, simboli di una menzogna che salva dal pregiudizio, dall’odio, dalla violenza. Immagini forti che toccano corde profonde e ci raccontano storie di esseri umani che l’emarginazione se la portano dentro, una valigia pesante e invisibile, la fatica del trascinarsi di chi inizia di nuovo, in un altrove che non sempre è accogliente”.

“Il percorso unisce e accomuna i diversi paesi d’origine dei soggetti ritratti, un affresco unico della perdita di equilibri di una umanità in divenire, in un mondo che rifiuta, detesta, annega nel sangue ogni manifestazione di diversità – chiosano i promotori -. In questo progetto la diversità si ammanta di voglia di urlare, di uscire dal buio, smascherare l’abbandono, il razzismo, il punto di vista privilegiato di chi osserva e passa oltre. NoIdentity ci scava dentro e ci lascia muti, svuotati. Sopraffatti dalla colpa del nostro silenzio. Perché chi guarda senza vedere – e tace – è sempre complice”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com