Bondeno
20 Gennaio 2017
Lo chiede il sindaco di Bondeno alla Regione per contrastare il bracconaggio

Tutela dei canali in affidamento alle associazioni di pesca

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Passa da Bondeno il Giro Next Gen

Intorno alle ore 13 del 14 giugno, i corridori e la carovana del Giro Next Gen – ex Giro d’Italia Under23 – transiteranno per il territorio comunale matildeo

“Lucciolata 6,30 e un po’’”, camminata ludico naturalistica

Torna per la terza edizione la “Lucciolata 6,30 e un Po’”, vale a dire la camminata ludico-naturalistica che si svolgerà venerdì 14 giugno dalle ore 21.15 lungo un percorso di 6 chilometri e 300 metri dal Triangolo del Po di Salvatonica (Bondeno) sino all’oasi naturalistica del Bosco di Porporana e ritorno

Cristina D’Avena seconda superospite di “Scorre – Il Festival”

Tutti hanno cantato la Canzone dei Puffi, Kiss Me Licia, Occhi di gatto, Mila e Shiro e centinaia di altre sigle di iconici cartoni animati. Giovedì 5 settembre, sul palco di piazza Garibaldi a Bondeno, a cantarle sarà nientemeno che l’interprete ufficiale: Cristina D’Avena

Bondeno. Affidare la tutela di vasti tratti dei canali del territorio all’opera di controllo e monitoraggio delle associazioni di pescatori. Questa è la ferma intenzione che il sindaco di Bondeno Fabio Bergamini rivolge alla Regione Emilia Romagna per chiedere l’attuazione dell’art.20 della Legge Regionale 11/2012, la normativa per la tutela della fauna ittica e dell’ecosistema acquatico e per la disciplina della pesca, dell’acquacoltura e delle attività connesse nelle acque interne.

“Sarebbe il primo caso in pianura in cui si applica questa disciplina – spiega il primo cittadino bondenese – ma si tratta di una pratica già in uso presso i tratti torrentizi delle vie d’acqua montane. Il vantaggi sarebbero più di uno: innanzitutto verrebbe contrastata in modo maggiormente puntuale l’attività di bracconaggio purtroppo ancora molto diffusa, si avrebbe una riqualificazione di luoghi di fondamentale importanza per il nostro territorio, oltre a comportare l’incremento di uno specifico segmento turistico. Viene in questo modo applicato efficacemente il principio di sussidiarietà, con la gestione di un bene pubblico ad opera di organismi direttamente coinvolti ed esperti in materia”.

Il progetto sarà alimentato direttamente dai futuri utilizzatori, dal momento che la legge regionale prevede che il Comune rilasci permessi a pagamento per l’accesso alle aree regolamentate. Con quanto introitato verrà creato un fondo destinato in modo specifico a finanziare azioni di tutela e riqualificazione dell’habitat, immissione di materiale ittico e sorveglianza.

In tutta la provincia di Ferrara, Bondeno è il primo comune che si attiva per questa forma di gestione di controllo dei canali, che nel caso specifico sono il Cavo Napoleonico, il Canale Burana, il Canale Pilastresi e  il Canale Barche.

Avanzata la richiesta e rilasciato il nulla osta dalla Regione, il Comune procederà alle procedure di selezione e individuazione delle associazioni, con l’obiettivo di completare l’iter entro l’estate.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com