sab 20 Mag 2017 - 154 visite
Stampa

Italia denunciata per discariche irregolari: nessuna è di Ferrara

Tutti i siti sono conformi alle norme europee. Tagliani: "Abbiamo operato correttamente, altro che camorra"

La Commissione europea ha deciso denunciare l’Italia alla Corte di giustizia dell’Unione Europea per la mancata bonifica o chiusura di 44 discariche che costituiscono un grave rischio per la salute umana e l’ambiente. Nessuna discarica emiliana, nessuna discarica ferrarese è risultata non conforme.

“Una ulteriore conferma – afferma il sindaco Tiziano Tagliani – di come abbiamo operato correttamente e nel rispetto delle norme necessarie a proteggere la salute umana e l’ambiente. Mi auguro che il clamore sollevato da un ex pentito di camorra sulle due discariche ferraresi (delle quali una chiusa nel 1986 e l’ultima chiusa nel 2004), trovi giustizia anche grazie all’approfondita indagine e valutazione della Commissione europea”.

Alle ormai note dichiarazioni di Nunzio Perrella, il primo cittadino risponde con l’auspicio che l’inchiesta europea “riporti la serenità di una collettività intera e la buona immagine di una città che ha eseguito interventi di ripristino ambientale nel rispetto delle normative vigenti da trent’anni a questa parte”.

Le discariche irregolari, che l’Italia era tenuta a bonificare entro il 16 luglio 2009, si trovano 23 in Basilicata, 11 in Abruzzo, 2 in Campania, 3 in Friuli Venezia Giulia, 5 in Puglia.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi