Ven 9 Dic 2022 - 1864 visite
Stampa

Un Perugia vivace mette brividi alla Spal, ma finisce a reti inviolate

Al "Curi" i biancorossi falliscono un rigore e sprecano un'occasione da gol. I biancazzurri resistono e colgono un punto in trasferta

(foto Spal)

di Nicolò Govoni

Sedicesima giornata di campionato e impegno sul campo del Perugia per la Spal, chiamata a non perdere punti per non compromettere ulteriormente la propria classifica. De Rossi decide di buttare subito nella mischia Varnier, al rientro dopo una lunga assenza, con le novità dell’inserimento di Zanellato, Finotto e Tripaldelli rispetto all’11 sceso in campo con il Modena; confermato anche Tunjov sulla fascia destra dopo la buona prova di domenica scorsa.

Castori invece costretto a rinunciare a Dell’Orco in difesa per un problema influenzale dell’ultimo minuto. Alcuni minuti di studio da parte delle due formazioni e al 9’ arriva il primo squillo della Spal: bella progressione di Zanellato sulla destra, che mette a sedere Santoro e crossa per Tripaldelli, ma è troppo debole il suo colpo di testa per impensierire Gori. Due minuti dopo il duro colpo per i biancazzurri: spinta plateale di Sgarbi ai danni di Moncini, che si tocca subito la gamba sinistra. L’attaccante della Spal è costretto a lasciare il campo, e al suo posto entra La Mantia. Al 17’ Esposito ci prova su punizione procurata da Finotto da lunga distanza, ma nuovamente nessun problema per Gori. Il Perugia pian piano comincia a prendere iniziativa, e al 24’ Kouan ruba palla a un ingenuo Varnier, ma Alfonso è attento e para il tiro del biancorosso. Aumenta la pressione dei padroni di casa intorno alla mezz’ora: dopo la punizione sparata da Esposito sulla barriera, è Bartolomei a impegnare il portiere spallino con una punizione insidiosa che Alfonso devia in angolo. La Spal cerca di ricompattarsi, alza gli scudi e si ripropone nella metà campo avversaria: al 37’ il tiro di Finotto che non sembra pericoloso è deviato di tacco di La Mantia, e per poco non beffa Gori, spegnendosi accanto al palo destro. Zanellato smista bene il gioco, Esposito si fa sentire a centrocampo e Tripaldelli è propositivo con i suoi cross: il Perugia è così chiuso nella propria metà campo, ma è umbra l’ultima occasione di tempo, con il destro di Bartolomei al 45’ che finisce di poco alto. Finisce in questo modo un primo tempo non esaltante e con poche emozioni.

All’uscita dagli spogliatoi De Rossi cerca di dare maggiore spinta offensiva, senza sbilanciarsi troppo, con l’ingresso di Maistro al posto di Proia. L’occasione al 50’ è però sui piedi di Kouan, che ruba palla a Peda su un brutto passaggio in uscita di Varnier: l’attaccante perugino spara a lato graziando la difesa estense. Maistro ci prova al 56’, ancora una volta senza impensierire Gori, con un tiro poco pericoloso. È al 58’ l’episodio potenzialmente decisivo della gara: con la difesa della Spal in bambola, la palla arriva a Santoro, anticipato da Alfonso. Il Perugia protesta a gran voce richiedendo il rigore, e c’è lavoro per la sala Var: Gualtieri va a rivedere l’azione, e decide per il rigore tra le proteste dei biancazzurri. È Melchiorri contro Alfonso al 62’: il tiro dell’ex Spal, però, spacca la traversa, e si rimane sullo 0-0. De Rossi inserisce forze fresche con Fiordaliso e Rabbi, ma la Spal arriva al tiro solamente con la terza, debole punizione di Esposito. È ancora il Perugia più vivace: al 67’ su angolo la spizzata di Melchiorri arriva sulla coscia di Curado, che si mangia il gol del vantaggio.

L’ultimo quarto d’ora vede la Spal provare una reazione d’orgoglio, anche se in modo disordinato, soprattutto negli ultimi 30 metri: Tripaldelli crossa in mezzo, ma Paz salva miracolosamente su Rabbi, che non riesce a colpire in rete; e due minuti dopo è il neoentrato Valzania a colpire con una rasoiata in mezzo all’area, ma La Mantia calcia altissimo. L’ultimo brivido è al 93’: la palla passa in modo rocambolesco per Di Serio, e l’uscita di Alfonso provoca la caduta dell’attaccante dei Grifoni. C’è ancora lavoro per Mazzoleni al Var, ma questa volta il rigore non è concesso. Sotto la pioggia che inizia a cadere sul “Curi” di Perugia termina 0-0 una partita che ha visto la Spal ritrovare un minimo di solidità difensiva, chiudendo a reti inviolate; anche se permane il costante problema del possesso palla sterile: 66% senza riuscire a concretizzare né a spaventare il portiere Gori.

Perugia 0 – 0 Spal

Perugia (3-4-1-2): Gori; Sgarbi, Curado, Rosi (81’ Vulikic); Casasola, Bartolomei, Santoro, Paz (86’ Lisi); Kouan (81’ Luperini); Olivieri (86’ Di Serio), Melchiorri (70’ Strizzolo). All.: Castori. A disposizione: Abibi, Angella, Beghetto, Furlan, Iannoni.

Spal (3-5-2): Alfonso; Peda, Varnier, Meccariello; Tunjov (63’ Fiordaliso), Proia (46’ Maistro), Esposito, Zanellato (76’ Valzania), Tripaldelli; Moncini (16’: La Mantia), Finotto (63’ Rabbi). All.: De Rossi. A disposizione: Arena, Celia, Dalle Mura, Murgia, Thiam, Prati, Rauti.

Arbitro: Matteo Gualtieri di Asti.

Assistenti: Mondin, Yoshikawa.

Quarto assistente: Marchetti.

VAR e AVAR: Mazzoleni, Maggioni.

Ammonizioni: 29’ Varnier (S), 64’ Meccariello (S), 69’ Paz (P), 80’ Castori (P), 84’ De Rossi (S).

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa