Ven 9 Dic 2022 - 1208 visite
Stampa

Le assurde preoccupazioni sui tetti delle chiese

Nei sindacati italiani mancano personalità capaci di strabiliare il mondo. Ma a Ferrara, luogo dove le opinioni diventano facilmente sillogismi, ci sono sindacalisti da Guinness dei primati dediti a rielaborare vecchi concetti, perfezionandoli, con risultati che possono essere sintetizzati così:

– I datori di lavoro sono antipatici, tollerabili solo se datori di buoni stipendi.
– L’ininterrotta necessità di denaro per continuare a pagare gli stipendi è un non-problema.
– Solo degli oscurantisti medievali sprecano risorse per riparare chiese destinate esclusivamente all’esercizio pubblico del culto.
L’Arcivescovo Perego, forse non pratico di sindacalese, informando i sindacati indigeni di voler cedere alla Coop Serena di Ferrara la gloriosa Casa di Cura e Riposo ‘Betlem per chi soffre’ afflitta da disastrosi bilanci, ha dato l’impressione dell’elefante nella cristalleria, e peggiorato l’indice di
gradimento manifestando contestualmente il desiderio di riparare i tetti di alcune chiese!

Un Arcisuperficiale, insomma: come si può, pur gravati da contabilità insostenibili, trascurare che i dipendenti di Betlem passerebbero dal contratto Agidae attuale a quello meno remunerativo delle cooperative sociali? E per quali futili motivi i tetti delle chiese meritano più attenzioni
dell’intangibilità degli stipendi dei lavoratori?!

Eppure dovrebbe esser ben chiara la doverosa fedeltà alla tradizione dei sindacati, che li costringe a rifiutare gli eventuali esuberi fra i dipendenti Betlem resi possibili dalle maggiori efficienze della Coop Serena, oltre a qualsiasi riduzione di stipendi nel cambio dei contratti di lavoro! Perché i diritti acquisiti sono sacri. Per difenderli si è disposti a lottare: meglio lasciar andare in malora Betlem coi suoi debiti e veder crollare in macerie i tetti delle chiese, che cedere sui livelli retributivi raggiunti.

La questione, filosofica, richiede ovviamente sacrifici, compensati comunque dall’entusiasmante coinvolgimento che il classico ‘Armiamoci e Partite’ riesce sempre a stimolare! A consolazione degli ospiti e dipendenti di Betlem. E dei russi inviati in guerra da Putin.

Paolo Giardini

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa