Gio 8 Dic 2022 - 531 visite
Stampa

Spal, De Rossi: “Affrontiamo un Perugia in salute, non lo sottovalutiamo”

Dopo le critiche pesanti in seguito alla sconfitta nel derby i biancazzurri sono consapevoli di dover smuovere la classifica

(foto di Riccardo Giori)

di Nicolò Govoni

Una partita per invertire la rotta e allontanare le critiche dopo la disfatta di sabato scorso nel derby: la sfida di giovedì pomeriggio al “Curi” di Perugia vale molto più dei 3 punti in palio, già di per sé molto pesanti perché si tratta a tutti gli effetti di uno scontro salvezza. E lo sa anche Daniele De Rossi, conscio che la partita non debba essere sottovalutata da parte della Spal: “Affrontiamo un Perugia in salute, e conosciamo il l’importanza della sfida, visto che i risultati non stanno arrivando. Mi piacerebbe un’altra buona prestazione come quella contro il Modena: qualcosa di buono c’è stato, e continuando così i punti arriveranno, anche in partite in cui giocheremo meno bene. L’importante è smuovere la classifica, qualche punto ci può ridare la consapevolezza del nostro livello di squadra: sta a me tenere il morale alto”.

“Con il Modena abbiamo fatto una buona prestazione”, riprende De Rossi, “abbiamo giocato meglio senza raccogliere niente: per questo ho detto di sentirmi impotente. Sono sì arrabbiato ma anche sereno, svolgo il mio lavoro senza rese, dal mattino fino a sera”.

Sono giorni però di critiche pesanti dopo la sconfitta del derby: “Non ho letto niente, e così avevo detto di fare ai miei giocatori dopo Cosenza: giornali e social rischiano di essere un veleno sia positivo sia negativo, a seconda dell’effetto che suscitano. È normale che i tifosi siano tristi, ma noi dobbiamo pensare alle prestazioni”.

Sarà presente al “Curi” anche il presidente Joe Tacopina: “Non ho ancora parlato con lui, di solito lo facciamo di persona: sono confronti utili, e dovremo cercare di capire il momento, insieme a tutta la dirigenza e lo staff, perché il presidente è legato alla Spal sotto l’aspetto affettivo, non solo dal punto di vista degli affari”.

Sull’altra panchina ci sarà Castori, l’allenatore più esperto della Serie B: “Lo stimo moltissimo, ha vinto una decina di campionati ed è una persona vera: lo apprezzo. Non penso che ci siano scontri generazionali tra ideologie del calcio: saranno differenti le strategie sul campo, e ognuno fa la sua. E non credo di essere, come si dice, un estremista del possesso palla: mi piace quando la mia squadra prende l’iniziativa per tirare in porta, anche con soli due passaggi”.

Pur senza Di Carmine, il Perugia è una squadra da non sottovalutare: “Il loro modo di giocare a calcio è ben riconoscibile: non sono solo palle lunghe, ma attendono il momento giusto per trovare la profondità, grazie alla fisicità degli attaccanti: anche senza Di Carmine cambia poco, c’è ad esempio Melchiorri, i loro centrocampisti corrono e gli attaccanti lottano”.

Probabile formazione (3-4-1-2): Alfonso; Dalle Mura, Meccariello, Peda; Tunjov, Murgia, Esposito, Celia; Maistro; La Mantia, Moncini.

Indisponibili: Dickmann, Almici.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa