Lun 28 Nov 2022 - 1770 visite
Stampa

Altri tre uomini violenti denunciati a Ferrara e provincia

Interventi dei carabinieri proprio nella settimana contro la violenza sulle donne. Le vittime portate all'ospedale per le lesioni subite

Continuare a tenere i riflettori accesi serve, e serve intervenire in maniera incisiva per un cambio culturale. Può sembrare una beffa e invece è la testimonianza che l’impegno non si deve fermare, il fatto che nell’ultima settimana, dedicata proprio al contrasto della violenza sulle donne, a Ferrara e in provincia tre uomini violenti abbiano mandato all’ospedale le rispettive compagne.

Tutti e tre sono stati denunciati a piede libero per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali dai carabinieri intervenuti in soccorso alle vittime, che hanno anche attivato le procedure del cosiddetto ‘codice rosso’ e chiamato i sanitari del 118.

Due casi si sono verificati nel capoluogo e uno in provincia ai danni di donne di 60, 59 e 41 anni, tutte sposate o conviventi da tempo.

Il primo intervento dei militari è avvenuto la sera del 23 novembre, dopo una richiesta di soccorso pervenuta al numero 112, da un’abitazione in zona Porotto. Un litigio legato alla separazione si è trasformato in un episodio di violenza: M.V., 62enne, si sarebbe scagliato fisicamente contro la moglie 60enne che, riuscita a divincolarsi, ha chiamato il numero per le emergenze. Portata all’ospedale di Cona, è stata dimessa con una prognosi di 21 giorni.

Altro giorno, altra violenza. Nel pomeriggio del 24 novembre i carabinieri sono intervenuti a Pontelagoscuro dove M.A., 58enne già noto alle forze dell’ordine, aveva dato un pugno al volto della compagna, una donna di 59 anni. Anche lei è stata portata all’ospedale di Cona, anche per lei 21 giorni di prognosi.

Il giorno successivo, 25 novembre, altra chiamata al 112. Una donna di 41 anni in lacrime, sconvolta e confusa, chiede di essere aiutata perché il compagno – G.A., 49enne di Ferrara – l’aveva picchiata. Ma poi riaggancia il telefono. L’operatore della centrale, compresa la situazione, ha cercato di ricontattare la donna, riuscendo a localizzarla e facendola soccorrere dai carabinieri di Codigoro, che l’hanno individuata mentre stava cercando rifugio dai suoi familiari. La donna è stata portata all’ospedale del Delta, a Lagosanto, dove è stata trattenuta in osservazione per via delle lesioni subite.

Alle tre donne i carabinieri hanno ricordato la possibilità di farsi assistere da un centro antiviolenza e, due delle tre, hanno accettano di allontanarsi dall’uomo che le ha costrette a ricorrere alle cure mediche, una tramite il centro antiviolenza e una ritornando alla famiglia di origine.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa