Mar 29 Nov 2022 - 2254 visite
Stampa

Sanità. L’allarme dei sindacati: “Situazione drammatica, da codice rosso”

Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato il presidente della Regione Stefano Bonaccini: “È inaccettabile la logica che per tenere tutto bisogna ridimensionarsi”

Investire nella sanità, nella medicina e nei servizi territoriali, rivedere il sistema di emergenza-urgenza valorizzare competenze professionali e nuove tecnologie. Sono tra le richieste che Cgil, Cisl e Uil dell’Emilia-Romagna hanno avanzato a Stefano Bonaccini, presidente della Regione, in un incontro avuto lunedì mattina a Bologna nel quale hanno esposto le tante criticità del sistema sanitario emiliano-romagnolo, presenti e future.

“La sanità in Emilia Romagna sta vivendo una situazione drammatica, da codice rosso – osserva il segretario generale UIL Emilia-Romagna, Giuliano Zignani -. Al netto delle mancate risorse, peraltro fondamentali, per ripianare i costi della pandemia, l’Emilia-Romagna necessità ora di una riforma piena del ‘suo’ sistema sanitario. Sistema che, sottolineo, deve assolutamente rimanere pubblico. Medici, infermieri, oss: il loro impegno, il loro sforzo è massimo, ma non basta. Occorre che la Regione Emilia-Romagna, in accordo con le parti sociali, intervenga a dare nuovo slancio alla nostra sanità che è un’eccellenza internazionale”.

“Alla luce delle preoccupazioni consegnate dalle politiche nazionali sulla sanità pubblica – sottolinea il segretario generale della Cgil Emilia-Romagna Massimo Bussandri -, abbiamo bisogno di ricalibrare l’azione anche a livello regionale, perché è inaccettabile la logica che per tenere tutto bisogna ridimensionarsi. Al contrario, serve un rilancio del perimetro pubblico e assunzioni del personale. Siamo tra le regioni più esposte avendo la più forte sanità pubblica. Ora più che mai serve fare massa critica comune con tutti i soggetti in campo a livello territoriale per arginare questa deriva pericolosa”.

Per il segretario generale della Cisl Emilia Romagna, Filippo Pieri, “la situazione presenta delle evidenti criticità a cui occorre rimediare al più presto. Ad esempio, necessita un intervento immediato per sopperire alle gravissime carenze che riguardano i medici di medicina generale, gli specialisti dei pronto soccorso, gli anestesisti, spesso causate o aggravate dalla cattiva programmazione dei fabbisogni. Così com’è del tutto evidente che serva una maggiore programmazione integrata dei servizi tra aziende sanitarie e Comuni, e ciò per coordinare i servizi sanitari con quelli sociali, indispensabili soprattutto per le persone anziane e le loro famiglie”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa