Ven 25 Nov 2022 - 156 visite
Stampa

Carife. Indennizzi, ancora molte posizioni aperte

Federconsumatori sollecita Mef e Consap chiedendo un ulteriore livello di valutazione delle istanze rigettate

Una manifestazione dei risparmiatori azzerati

C’è poco tempo per i risparmiatori ex Carife che si sono visti rigettare le domande di indennizzo per ottenere un ristoro. L’operatività della Commissione Tecnica del Fondo Indennizzo Risparmiatori cesserà il 31 dicembre 2022, ma molte posizioni risultano ancora aperte.

Sono diverse le ragioni: da errori nella comunicazione dei dati sul reddito e sul patrimonio, al ritardo nell’esame delle domande, ad un indennizzo ritenuto non corretto, al rigetto di alcune istanze senza che sia prevista alcuna possibilità di appello.

Per risolvere e correggere queste criticità Federconsumatori ha scritto al Ministero Economia e Finanze e a Consap chiedendo di istituire un ulteriore livello di valutazione delle istanze rigettate che permetta ai risparmiatori di presentare ricorso, prevedendone l’attività anche oltre il termine del 31/12 e di accelerare i lavori della commissione fino al loro completamento.

Il Fir aveva una dotazione di 1.575 milioni di euro a favore degli azzerati di sei banche. Ad una parte dei 32.000 azionisti ex Carife è stato riconosciuto un indennizzo del 30% del prezzo di acquisto. Restano circa 500 milioni di euro da redistribuire, terminato l’esame delle domande di accesso al fondo ad oggi ancora in fase di istruttoria, tra i risparmiatori che hanno avuto accesso al Fir e solo parzialmente ristorati.

Per queste ragioni, Federconsumatori ha sollecitato anche al nuovo Governo un incontro per discutere le proposte da mettere in atto, e chiede inoltre alle istituzioni locali e ai parlamentari eletti nel territorio ferrarese di “mettere in campo le iniziative necessarie volte a tutelare i diritti dei risparmiatori gravemente colpiti dalle tristemente note vicende che hanno interessato la ex Cassa di Risparmio di Ferrara”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa