Gio 29 Set 2022 - 263 visite
Stampa

Eat to Meet Cna, incontrarsi per scambiare idee

Faccini (Giovani imprenditori): “L'evento funziona e piace molto”

CNA - Dentro l'impresa

Tanta voglia di ritrovarsi e scambiarsi idee: è il meccanismo che anche quest’anno ha portato oltre 40 imprenditori di Ferrara e provincia a ritrovarsi a Eat to Meet, il tradizionale evento ideato qualche anno fa dal gruppo dei Giovani Imprenditori di Cna Ferrara.

L’evento, che ormai è un format preso come esempio un po’ in tutta Italia, quest’anno si è tenuto presso il Consorzio Factory Grisù ed è sostanzialmente uno speed date dinner: tre portate e tre cambi di tavolo in cui fare la conoscenza di nuovi colleghi imprenditori, del proprio settore o di settori completamente diversi per avere nuovi spunti e nuove idee d’impresa in un contesto amichevole e informale come quello che forse si può avere solo a tavola.

“L’evento, che ormai possiamo definire un marchio affermato a livello nazionale, funziona e piace molto – spiega il presidente dei Giovani imprenditori Cna Bruno Faccini – perché è un punto d’incontro tra persone che vogliono crearsi (o ampliare) il proprio network di conoscenze in modo leggero e informale ma allo stesso modo estremamente efficace e duraturo nel tempo.”

“Durante la serata sono emerse tantissime idee d’impresa – aggiunge Silvia Merli, responsabile di Cna Giovani Imprenditori Ferrara – e soprattutto è emersa grande originalità e lo spirito d’inventiva di cui tanti hanno dato prova durante e dopo il periodo della pandemia. Le idee sono talmente nuove e singolari che a volte faticano a trovare collocazione in un mercato ancora troppo incentrato sui lavori più tradizionali; Eat to Meet si conferma quindi un’ottima occasione per conoscere e farsi conoscere; è la prova che la sostenibilità aziendale passa anche dai processi aggregativi e di rete in contesti informali e amichevoli”.

Durante la serata e durante i giri di tavolo gli imprenditori hanno infatti avuto modo di raccontare se stessi e la propria azienda e sono stati numerosi gli scambi di contatti, gadget, racconti di progetti e inviti a propri eventi. In alcuni casi non sono mancate nemmeno le idee per possibili collaborazioni.

La sostenibilità d’impresa è stata il tema principale di NextLab, l’evento che occupato la prima parte della serata: un’occasione per parlare di come fare business responsabilmente in cui si è sviluppato un momento di dialogo sulla sostenibilità ambientale tra l’università e le imprese. Tania Tomasi, Ricercatrice di diritto commerciale, Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e della Prevenzione dell’Università di Ferrara ha illustrato la propria esperienza nella ricerca mentre Miriam Surro, Ceo di Mido srl e Unstoppable Woman secondo StartupItalia, ha portato ad esempio la propria impresa, che si occupa di soluzioni e servizi per il monitoraggio della distribuzione di energia con lo scopo di ridurre i costi.

Jessica Morelli, Fotografa e storyteller, titolare di Intraprese Fotografiche e presidente di Cna Impresa Donna ha invece parlato dell’importante ruolo che ricopre la sostenibilità in Eccocid, il nuovo progetto ideato dal Comitato Impresa Donna di CNA.

La serata ha visto la partecipazione di numerose aziende: Aenigma, Assicoop Modena e Ferrara, E-Bike Travel Ferrara, Damari Federica, Ecipar Ferrara, Ferrara Off APS, Grafica Andros, Il Bosco Officinale, Intraprese Fotografiche, ITEstense, KA-Pa Tour, Kool 2.0, Laboratorio Aperto, Lineare, MiDo srl, MIX Museum Interaction Experience, Delta Solving, Officina Cosmetica Estense, Plam Creative Studio, Plastic Jumper srl, Scacco Matto, Stecchi Federica, Suono e Immagine srl, Tomatis Arch. Elena, Tryeco 2.0, Tutela Digitale srl, Unicredit, Valentina Mazza, Wellness Time, Zappaterra Vittorio Avvocato, Podere Belvedere.

Il catering è stato curato da Sama srl. Main sponsor dell’evento, Unicredit.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa