Gio 22 Set 2022 - 1075 visite
Stampa

Risparmiatori Carife traditi prima, durante e…dopo?

Cari Risparmiatori ex azionisti Carife, penso a voi con affetto e solidarietà in questo periodo di propaganda elettorale.

Noto che i fautori della risoluzione intempestiva e iniqua della nostra banca se ne stanno ben alla larga da Ferrara, proponendo i loro “curricola”, anzi i loro ben remunerati “cursus honorum” in città lontane dove contano in fedeli sostenitori, nei “collegi blindati”: i furbetti delle elezioni!

I loro epigoni e successori politici – pur con varianti ideologiche e pragmatiche – si espongono nei luoghi fisici e nei mezzi di comunicazione di massa TV, radio e Web con profluvi di promesse, generiche, costose, luccicanti, quando per decenni hanno dato di sé prove mediocri se non dannose nelle azioni ma anche nelle inerzie e sospensioni, legate alle lobby su cui si appoggiano e alle congreghe scientifiche da cui si fanno consigliare.

Unico tema che non viene più trattato, come fosse un tabù, è il disastro finanziario ed economico del periodo 2015-2017, con l’azzeramento di 400 mila Risparmiatori, tra cui noi Ferraresi. Il Governo Conte 1 con Salvini ha realizzato l’indennizzo parziale del 30 % del valore delle azioni perse, con limiti vari. Ora le risorse disponibili, qualcosa come 500 milioni di euro, sono giacenti nel Fondo Indennizzo Risparmiatori: ci resterà, per noi, o ce lo vedremo scippare per altri beneficiari, magari gli alti dirigenti pubblici che ambivano superare i 240 mila euro di remunerazione?

Notare questo silenzio induce in noi danneggiati da oltre un decennio dal malgoverno del Mef, di Banca d’ Italia, di Consob e della Bce a conduzione Draghi indignazione, mortificazione, ripulsa di una politica che promette ante elezioni , si compiace di quel po’ che ha fatto, ma punta a rimuovere il ricordo di quanto ancora da fare per ripristinare giustizia. E di BAIL IN non si parla proprio più in Europa, mentre le banche eredi di quelle risolte e liquidate ingrassano di profitti e di dividendi. A me sarebbe bastato continuare ad essere azionista CARIFE anche per 1 centesimo di Euro e rientrare nella compagine degli azionisti delle banche subentranti, come attuato con Credit Agricole e Credem.

Giovanna Mazzoni per Movimento Risparmiatori Traditi

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa