Ven 5 Ago 2022 - 3213 visite
Stampa

Giù la saracinesca per la ‘Giralibri’

La storica libreria di via Matteotti chiude dopo un'attività decennale. Il gestore Battisti lascia dopo un'offerta irrinunciabile della biblioteca comunale 'Bertoldi'

di Giada Magnani

Argenta. Chiude una importante e decennale attività culturale. Si tratta di ‘Giralibri’ di via Matteotti, dal 2012 al centro delle attenzioni letterarie di Argenta e dintorni.

Il prossimo 13 agosto abbasserà le serrande con sommo rammarico di chi, in questo tempo, ha preso parte a ritrovi, trebbi, momenti di incontro col pubblico e autori: tra gli ultimi quello con lo scrittore noir Carlo Lucarelli.

Appassionati, insomma, che ora manifestano tutto il loro affetto e gratitudine verso il titolare, Gianluca Battisti, per l’impegno e la competenza profusa nel mettere in campo questi appuntamenti di valenza anche sociale. Ha voluto ringraziarlo anche il sindaco di Argenta recandosi personalmente da lui.

Laureato in lettere e storia contemporanea, a Battisti è giunta una attesissima opportunità, alternativa: un lavoro presso la biblioteca comunale “Bertoldi”, all’ex convento dei frati Cappuccini, come collaboratore nella gestione e organizzazione di servizi ed eventi.

“Una offerta che non potevo lasciarmi sfuggire, che ho cercato partecipando anche a concorsi. In questo ambiente ho comunque vissuto un’esperienza bellissima, che sarebbe un peccato disperderla, tanto che sono in corso contatti per una cessione”.

Niente a che vedere tuttavia con la crisi economica e i momenti bui della pandemia. Anzi: “Col lockdown – spiega Battisti – le cose non andavano male. E sono tuttora ben avviate. Al tempo, alla gente chiusa in casa, è cresciuta la voglia di leggere e di conseguenza sono aumentate le vendite”. A tal proposito dagli scaffali si possono ancora acquistare testi e volumi scontati anche del 50%.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa