Mer 29 Giu 2022 - 165 visite
Stampa

Ondate di calore: i rischi per la salute e come difendersi

I servizi sul territorio per i soggetti a rischio. A Salute Focus Ferrara i dati settimanali sulla pandemia Covid

Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità. Quali sono i rischi per la nostra salute, come evitarli e quali sono i servizi sul territorio? Se ne è parlato nel corso dell’ultimo appuntamento con Salute Focus Ferrara (format web a cura dell’Azienda Usl di Ferrara condotto da Alexandra Boeru) con Franco Romagnoni, direttore Attività Socio Sanitarie Ausl Ferrara. A fare il punto sull’andamento dei contagi, in crescita così come i ricoveri, è stato invece Roberto Bentivegna direzione Medica di Distretto Ausl Ferrara.

CONTAGI E RICOVERI IN CRESCITA, INCIDENZA QUASI RADDOPPIATA IN UNA SETTIMANA

“Effettivamente il trend è incredibilmente in aumento, ha sottolineato Roberto Bentivegna della direzione Medica di Distretto Ausl Ferrara, con l”incidenza che oggi è di 534 casi per centomila abitanti (lo scorso martedì era 327) e che abbiamo il 43% dei casi in più rispetto alla settimana precedente. Probabilmente, ha proseguito Bentivenga, abbiamo anche una sottostima del incidenza stessa perché comunque c’è una fetta di popolazione che si testa con il test rapido a casa e poi non notifica la positività. Questo lo vediamo con certezza dai dati a livello nazionale ma anche a Ferrara sappiamo che c’è una quota di persone positive che non registriamo quindi probabilmente c’è una circolazione del virus ancora più elevata rispetto a quella che riusciamo a rilevare, non dimenticando che ad oggi abbiamo indice RT a 142, quindi piuttosto alto”.

“Il lato positivo, ha spiegato ancora Bentivegna, è che la la malattia che consegue all’infezione non è così importante come ondate precedenti. Abbiamo quindi tassi di ospedalizzazione ancora piuttosto bassi anche se sta aumentando anche il numero dei ricoveri. Come già anticipato, sia in azienda USL che nell’Ospedale di Cona, i pazienti vengono gestiti sia in reparti dedicati quando hanno una sintomatologia respiratoria un po’ più importante sia in quelle che abbiamo chiamato bolle cioè stanze dedicate all’interno di reparti misti Covid e non Covid. Al momento le persone ricoverate, sia nei reparti per sintomatici che nelle “bolle” sono 90 (19 in più rispetto alla settimana precedente)”.

Infine ancora la raccomandazione, ancora più importante alla luce dell’aumento dei casi, “non sottovalutiamo l’importanza di un gesto che non costa nulla come il lavaggio e l’igienizzazione delle mani, e non abbandoniamo la mascherina nei luoghi molto affollati”.

ONDATE DI CALORE, I RISCHI PER LA SALUTE

“Franco Romagnoni, è molto importante parlare delle conseguenze delle ondate di calore che ci sono piombate addosso in queste settimane, sottolineando però che non è sono un disagio banale ma hanno un impatto sulla salute fisica importante. Con l’aumento delle temperature fino a livelli poco accettabili dall’organismo, come sono quelle di quest’ultimo periodo, il rischio non è solo che ci sia un piccolo collasso, che ci sia un’anomalia in alcuni valori ematochimici, ma è dimostrato che può esserci anche un aumento complessivo del tasso di mortalità della popolazione, e ne fanno le spese soprattutto le persone che sono più fragili. Ci sono alcuni effetti che sono determinati dalla temperatura e quindi dal calore ci sono altri effetti che possono essere determinati da una esposizione non congrua al sole, entrambe le cose sono dannose. Tra i principali rischi dell’eccessivo caldo, i cui meccanismi ha spiegato il dottore Romagnoni, non c’ solo la disidratazione ma anche l’insolazione, i crampi, l’edema, la congestione, gli effetti sulla pressione arteriosa, lo stress da calore, il colpo di calore, ma anche l’aggravamento di malattie preesistenti e anche la febbre.

DIFENDERSI DAI RISCHI DELLE ONDATE DI CALORE

“Il Ministero della Salute ha riunito una serie di consigli, ha spiegato ancora Franco Romagnoni, in una sorta di decalogo diciamo così per affrontare il gran caldo senza i rischi per la salute. Anche se rischia di essere banalizzato, di essere ripetuto e sembrare noioso, il decalogo in realtà è molto valido.

Dall’uscire di casa solo nelle ore meno calde della giornata, all’indossare abbigliamento adeguato e leggero (non è sbagliato usare un ombrello e vestiti lunghi e coprenti), rinfrescare l’ambiente domestico (magari limitare uso forni e fornelli) e di lavoro stando però molto attenti a come si utilizzano i condizionatori e, ha sottolineato Romagnoni soprattutto alla loro manutenzione. Il decalogo invita a cercare soluzioni per ridurre la temperatura corporea, non esagerare con l’attività fisica, naturalmente bere con regolarità (almeno 2 litri d’acqua al giorno) ed alimentarsi in maniera corretta, adottare alcune precauzioni se si esce in macchina, conservare correttamente i farmaci, adottare precauzioni particolari se si è a rischio e sorvegliare e prendersi cura delle persone a rischio.

SOGGETTI A RISCHIO, I SERVIZI SUL TERRITORIO

“Noi siamo abituati a questo tipo di ondate e di clima e, ha infine ricordato il dottor Romagnoni, ci sono tutta una serie di progetti e di servizi dedicati in particolar modo alla persone più fragili e agli anziani. C’è da dire che la persona che sa di essere a rischio deve, in questo periodo, avere delle attenzioni particolari sulla cura di se, ad esempio consultando il proprio medico per rivalutare un attimo la propria terapia, in virtù della condizione di calore estremo. Esistono poi una serie di servizi, su tutto il territorio provinciale,a cui le persone possono rivolgersi per chiedere informazioni, consigli, alcune precauzioni. Questi servizi si occupano anche di monitorare le persone a rischio, per non lasciarle da sole.”

PROGETTO E-CARE NUMERO VERDE 800 072 110  COMUNI DEL DISTRETTO SUD EST.
Dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17 e il sabato dalle 8.30 alle 13
– Il servizio fornisce informazioni meteorologiche per le ondate di calore, consigli e precauzioni da adottare per prevenire gli effetti provocati da elevate temperature.
– Per gli anziani segnalati dagli Enti Locali e ASP è previsto un monitoraggio telefonico periodico delle condizioni di salute e sociali.

PROGETTO UFFA CHE AFA NUMERO VERDE 800 072 110  COMUNE DI FERRARA
Dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18 e il sabato dalle 8.30 alle 13
– Al servizio si possono rivolgere anziani e persone in difficoltà per avere informazioni e consigli o per ricevere assistenza e pronto intervento di tipo sociale.
– Tutte le segnalazioni telefoniche vengono verificate con presenza immediata sul territorio, per una valutazione tempestiva delle necessità e dell’eventuale attivazione di una presa in carico personalizzata.

PROGETTO E-CARE NUMERO VERDE 800 072 110  COMUNI DEL DISTRETTO OVEST
Dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17 e il sabato dalle 8.30 alle 13
– Il servizio fornisce informazioni meteorologiche per le ondate di calore, consigli e precauzioni da adottare per prevenire gli effetti provocati da elevate temperature e garantisce un monitoraggio telefonico periodico agli anziani segnalati dagli enti locali.

ALTRI NUMERI O PIATTAFORME UTILI

Numero Verde Unico del Servizio Sanitario Regionale 800 033 033.
Per informazioni sulle iniziative locali anticaldo e sui referenti i cittadini possono telefonare al (attivo tutti i giorni feriali dalle ore 8.30 alle ore 18, il sabato dalle ore 8.30 alle ore 13), che può anche trasferire la telefonata, sempre senza oneri per chi chiama, all’Ufficio Relazioni con il pubblico di ciascuna Azienda Sanitaria.

“RISCHIO CALORE”: IL SITO WEB DEDICATO
HTTPS://WWW.ARPAE.IT/CALORE
Il sistema regionale di allerta e previsione delle ondate di calore contiene anche consigli utili per affrontare le calde giornate estive, informazioni sanitarie, dati storici relativi al disagio bioclimatico degli anni passati e tante altre informazioni nella sezione “Scopri di più”.

WWW.SALUTE.GOV.IT
Il sito del Ministero della Salute ospita una pagina specifica sulle ondate di calore, opuscoli informativi destinati a chi assiste le persone anziane, al personale delle strutture di assistenza, ai medici e una serie di FAQ e informazioni utili sui rischi delle ondate di calore e sulle misure da adottare.

La puntata è visibile su EstenseTv, sul canale You Tube Ausl Ferrara a questo link https://youtu.be/qv9mspBAjlQ e sulle seguenti pagine Facebook: Azienda Usl Ferrara, Comune di Ferrara, Comune di Argenta, Comune di Copparo, Comune di Codigoro, Comune di Bondeno, Ferrara Focus.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa