Gio 23 Giu 2022 - 1158 visite
Stampa

Siccità, tocca ai cittadini. Atersir invia l’ordinanza ‘tipo’ ai Comuni

L'Agenzia regionale ha redatto il modello per limitare i consumi di acqua extra domestici

Anche i cittadini emiliano-romagnoli saranno chiamati a fare la loro parte per affrontare la grave emergenza idrica portata dalla perdurante siccità e dal caldo torrido e anticipato rispetto al periodo.

Atersir, l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi Idrici e rifiuti, dopo che la Regione ha dichiarato lo stato di crisi, ha proposto ai Comuni l’adozione di un’ordinanza che prevede la limitazione dell’uso di acqua potabile ai fini extra-domestici. Provvedimenti che erano nell’aria e che il Comune di Copparo, nella nostra provincia, ha anticipato.

“I cittadini – rimarca l’Agenzia – hanno un ruolo strategico nel sistema idrico poiché riducendo i consumi contribuiscono alla conservazione della risorsa e aumentano la capacità di resilienza del sistema”.

A questo fine Atersir ha predisposto e trasmesso ai Comuni un’ordinanza “tipo” da adottare per limitare gli sprechi d’acqua e per la tutela delle risorse idropotabili nel periodo estivo. Il modello di ordinanza è uno strumento operativo che l’Agenzia redige e i Comuni possono utilizzare e personalizzare in funzione del grado di criticità e di specifiche situazioni del loro territorio.

“Com’è noto – afferma Marialuisa Campani, dirigente dell’area idrica di Atersir – la situazione meteorologica degli ultimi mesi ha inciso significativamente sul livello idrometrico dei fiumi e sulla disponibilità di acqua. Al fine di ottimizzare l’utilizzo delle risorse a disposizione, Atersir ha preso parte a diversi tavoli di lavoro sul tema. In particolare ha fornito il proprio contributo all’Osservatorio utilizzi idrici e ha partecipato alla Cabina di Regia sullo stato della Severità Idrica promossa dalla Regione Emilia-Romagna. Dal punto di vista strutturale, oltre a continuare le attività previste dagli strumenti di programmazione per il miglioramento della rete, abbiamo candidato al finanziamento del Pnrr interventi funzionali alla riduzione delle perdite idriche per un importo pari a 197 milioni di euro”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa