Gio 23 Giu 2022 - 776 visite
Stampa

La “cultura” secondo l’Amministrazione comunale

Giovedì 23 giugno ricomincerà in Darsena un’altra solfa. Il direttore artistico della kermesse ha annunciato un “Festival di tutti, nel rispetto dell’ambiente”. Andiamo bene: quel rispetto lì è la nota foglia di fico di diaboliche speculazioni (vedi la turbogas nel petrolchimico), ma per chi abita in zona il preoccupante “tutti” significa dover indossare per ore uno scafandro, data l’esperienza maturata in Darsena, dove con ottusa ferocia sono state inflitte ossessionanti serate rumorose ad altissimo volume a “tutti” gli abitanti delle vie Darsena, Bonnet e Mulinetto.

Per proteggersi un po’ dai danni psicofisici provocati dai rimbombi si devono tener chiuse le finestre, il che corrisponde, appunto, a scafandrarsi nell’afa di Caronte. Ecco perché i preannunci di spettacoli sono temibili come le decisioni umanitarie di Putin.

Per chiarire: Putin fa piovere implacabilmente sugli ucraini missili e cannonate perché capiscano che l’immanente Santa Madre Russia è immune dalle depravazioni occidentali; il Comune, invece, fa sparare strenuamente bordate d’inquinamento acustico d’alta potenza capaci di abbattere i pipistrelli, affinché gli ‘svegli’ abitanti del circondario capiscano bene come si diffonde democraticamente la “cultura” locale.

Cultura bellica, insomma, con impiego di sistemi d’arma: Putin schiera artiglierie pesanti e carri armati, il Comune, casse acustiche di potenza sul fiume, che è un diffusore-ripetitore naturale.

Se giovedì mattina si vedranno all’esterno del Wunderkammer quelle funebri sorgenti di martellamento a distanza, agli abitanti nei paraggi converrà fuggire da casa. Andando, per esempio, a tirar notte al Casinò di Venezia. Là si potrà perdere un bel po’ di soldi, ma in piena libertà. Qui invece nei domicili violati da assordanti frastuoni si perderebbero sicuramente, con il sonno, la dignità e preziosissime, inestimabili ore di libertà.

P.G.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa