Gio 26 Mag 2022 - 1074 visite
Stampa

I 4 referendum comunali: “Un nuovo inizio con le persone comuni”

I moduli per la raccolta delle firme sono stati stampati e si potrà firmare già nel fine settimana. Intanto arrivano nuove adesioni

Mario Zamorani

I moduli per la raccolta delle firme per i 4 referendum comunali sono stati stampati e si potrà firmare già nel fine settimana. Intanto arrivano nuove adesioni.

I quesiti per 4 referendum comunali sono stati elaborati dall’associazione Fe-nice e offerti in primis a +Europa, Azione, Psi e Pri che, insieme, hanno costituito il Comitato promotore. Poi l’offerta di questo progetto politico è stata inoltrata a tutte le forze politiche del centro sinistra: prime adesioni da Articolo 1, Sinistra Italiana e La sinistra per Ferrara. E si resta in attesa di ulteriori adesioni.

“Questo progetto politico – commenta Mario Zamorani di Fe-nice – rappresenta un nuovo inizio per quella parte della città che, condividendo queste proposte, si pone come “altro” rispetto alla politica che privilegia le convenienze piuttosto che le convinzioni. Ci rivolgiamo all’intelligenza profonda delle persone comuni, quelle che tutti i giorni si arrabattono e faticano fra mille difficoltà e delusioni pubbliche e personali; che si muovono incerte in un mondo che faticano e decifrare; che si affaccendano per cavarsela per i loro personalissimi obiettivi e per una migliore qualità di vita. Due di questi 4 temi erano già stati proposti da Fe-nice come petizioni popolari nell’autunno del 2019 ed erano stati rigettati dalla maggioranza in Comune: quello sulle Circoscrizioni e quello sulle auto in centro.

Questi in sintesi i testi che vengono proposti:

1. Ridiamo voce alle frazioni con le Circoscrizioni

Facciamo tornare le Circoscrizioni nel numero di 8 com’erano nel 2008, e aiutiamo le periferie a far sentire la loro voce e le loro esigenze, promuovendo la vita dei quartieri.

2. Via le auto dal Centro Storico

Liberiamo il centro del Centro Storico (piazza T. Trieste, corso Martiri, piazza Savonarola, piazza Castello – ma anche corso Ercole d’Este) da auto e altri mezzi a motore. Con eccezione per carico/scarico, taxi, soccorso, ecc. Per preservare Ferrara città d’arte, cultura, storia, turismo e rispettosa dell’ambiente.

3. Impatto climatico verso lo zero

Entro aprile 2023 il Comune deliberi un “Climate city contract” (Patto cittadino per il clima) con impegni e progetti per dimezzare le emissioni totali di gas serra ogni decennio.

4. Ferrara, città che ha cura dei suoi anziani

Il Comune deliberi entro aprile 2023 un progetto, anche con la collaborazione dei Centri sociali, per chiedere agli anziani e ai loro cari proposte operative volte al miglioramento della loro qualità di vita. Per ridurre il loro isolamento sociale e renderli pienamente partecipi della vita della città.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa