Mar 24 Mag 2022 - 174 visite
Stampa

Cure palliative: il punto in un convegno al Rivana. Open Day agli hospice di Ferrara e Codigoro

Le iniziative dell'Azienda Usl Ferrara per la Giornata del Sollievo

L’Hospice di Codigoro

Informare e sensibilizzare sull’importanza delle cure palliative per offrire sollievo a chi soffre. È l’obiettivo cardine della Giornata del Sollievo, giunta alla XXI edizione, a cui l’Azienda Usl di Ferrara crede convintamente e aderisce con due iniziative rivolte a tutti i professionisti sanitari, cittadini e volontari.

Giovedì 26 maggio, dalle ore 8.30 alle 13.30 presso il centro sociale Rivana Garden in via Gaetano Pesci 181 a Ferrara, si svolgerà il convegno “Pandemia da Covid-19 e nuovo approccio alle cure palliative” organizzato dall’Unità Operativa Cure Palliative AuslFe in collaborazione con l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara.

In programma venerdì 27 maggio anche un Open Day agli hospice di Ferrara e Codigoro per conoscere da vicino la realtà delle cure palliative per alleviare le sofferenze dei malati.

La Giornata del Sollievo, istituita con direttiva del presidente del Consiglio dei Ministri il 24 maggio 2001, su proposta del prof. Umberto Veronesi, ha l’obiettivo di “promuovere e testimoniare, attraverso idonea informazione e tramite iniziative di sensibilizzazione e solidarietà, la cultura del sollievo dalla sofferenza fisica e morale in favore di tutti coloro che stanno ultimando il loro percorso vitale, non potendo più giovarsi di cure destinate alla guarigione”.

Dal 2001 a oggi, in considerazione dei bisogni concreti delle persone malate e sofferenti, l’obiettivo della Giornata è andato sempre più ampliandosi, abbracciando quasi tutte le condizioni di malattia ed esistenziali, pur mantenendo un posto di rilievo la fase terminale della vita.

Ancora oggi, a due anni dalla pandemia da Covid-19, questa giornata ha un significato particolare, come spiega la responsabile provinciale della Rete Cure Palliative Loretta Gulmini: “Per esigenze organizzative e per rispettare il significato profondo della Giornata, intesa come incontro fisico di operatori sanitari, associazioni di volontariato e cittadini, malati e loro familiari, non si è realizzato negli ultimi due anni, ma quest’anno, nonostante si stia ancora vivendo una situazione che vede il nostro paese impegnato a contrastare gli effetti di una pandemia che ha provocato migliaia di morti e messo a durissima prova i servizi sanitari, si è scelto di celebrare questa giornata, scegliendo una location diversa dal contesto sanitario, che potesse garantire la realizzazione di questo convegno in sicurezza”.

La Giornata del Sollievo ha quindi uno spirito particolare – prosegue la dottoressa Gulmini -: guardare al sollievo come obiettivo senza mai abbassare la guardia sulle cure, terapie, interventi per raggiungerlo e quindi sperimentarlo, viverlo, mantenerlo e, come suggeriva Nadia Toffa, anche celebrarlo, sia che si tratti di un sollievo individuale – fisico, psico-emozionale, spirituale come nelle malattie gravi o in fase avanzata – sia collettivo: sociale, culturale, civile come nell’emergenza Covid”.

Al convegno sarà presente Gino Gobber, presidente della Società Italiana di Cure Palliative, che illustrerà il futuro delle cure palliative in Italia, messe a dura prova dall’emergenza Covid.

La responsabile Loretta Gulmini, insieme alla collega Cecilia Lunghi, descriverà l’impatto che la pandemia da Covid ha avuto a Ferrara in termini di presa in carico e assistenza ai malati bisognosi di cure palliative.

Interverranno, a rappresentanza del Terzo settore, Fondazione Ado Onlus e Ant, attive in tutti i nodi della rete: con l’attività ambulatoriale, con l’assistenza domiciliare, e con la gestione dei due Hospice provinciali.

In una giornata dedicata al sollievo non poteva mancare la voce dei cittadini, rappresentati dai Comitati Consultivi Misti aziendali, di recente nuova nomina.

La seconda parte della giornata è dedicata al dibattito, al confronto fra quanti parteciperanno, operatori sanitari, volontari, malati e loro familiari, cittadini.

Il convegno è aperto ai cittadini con ingresso libero senza prenotazione.

Per i dipendenti saranno riconosciuti i crediti Ecm per tutte le professioni sanitarie, è preferibile iscrizione dal portale del dipendente ID corso 5232.1 oppure via mail a segreteriaconvegno@ausl.fe.it.

Il giorno successivo, venerdì 27 maggio, è in programma l’Open Day con visite guidate dalle ore 9.30 alle 11 presso gli hospice di Ferrara e Codigoro con l’obiettivo di fare conoscere alla popolazione e agli operatori sanitari la realtà delle cure palliative. Lì saranno accolti da operatori e volontari disponibili a far conoscere da vicino l’Hospice. L’iniziativa è aperta ai cittadini, previo controllo del Green Pass e nel rispetto di tutte le misure di sicurezza anti-Covid necessarie.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa