Dom 22 Mag 2022 - 457 visite
Stampa

Scioperi e sintesi

Dopo anni di annunci e smentite, a Porto Marghera è stato fermato l’impianto di etilene e propilene, materie prime per gli stabilimenti di Ferrara e Mantova. E subito i sindacati hanno reagito proclamando lo sciopero, la classica iniziativa che da mezzo secolo è utile alle fabbriche decotte come la cura ai malati di tisi con impiastri caldi e sanguisughe, ma che da quando è passata la moda di liberare le terre irredente (in Russia non ancora..) resta l’unica mobilitazione capace di attivare la mitopoietica trasformazione dei protagonisti in eroi.

È il motivo per cui ogni sciopero stimolato con enfasi raccoglie adesioni. Ci vuole poco per l’enfasi, anzi, meno di niente: basta non spiegare che una fabbrica chimica va chiusa quando la sua produzione non risponde ad urgenti nuove esigenze, quali il riciclo molecolare delle materie plastiche prodotte per evitare che a fine impiego si trasformino in duraturi contaminanti della biosfera.

Invece, limitando il messaggio ad un laconico “No alla chiusura del cracking di Marghera!” che se fosse un titolo di giornale richiederebbe un articolo sottostante zeppo di spiegazioni, si resta nell’ambito della resistenza contro le prevaricazioni, intramontabile evergreen. È la chiusura stessa della fabbrica che dimostra tutta la prepotenza attuata! Eventuali chiacchiere aggiuntive sarebbero pignolerie utili solo alla distrazione di massa, scuse antidemocratiche da respingere con sdegno.

In piena evidenza, sta nell’estrema sintesi delle informazioni la forza della democrazia! Ecco perché la profondità concettuale di opinioni ben compendiate in messaggi quali NO TAV, NO VAX, VAFFA DAY – e anche i poco annunciati ma molto praticati NO TAX – influiscono sulla vitalità democratica italiana come mai avvenuto in passato.

Eh, sì: dobbiamo essere grati ai sindacati, scuola primigenia di democrazia.

Paolo Giardini

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa