Sab 14 Mag 2022 - 528 visite
Stampa

Riqualificazione piazza Gobetti, sciolti i nodi formali: via libera ai lavori

Progetto per quasi 200mila euro. Al posto della 'gomma nera' le lastre in gres, rifacimento sottofondo, sostituzione marmi e graniti, pulitura soffitti e pareti

(immagine d’archivio)

Possono partire i lavori di riqualificazione – per 190mila euro – in piazza Gobetti. Gli interventi, già predisposti e progettati dopo diversi sopralluoghi, erano rimasti in stand by a causa di necessari chiarimenti preventivi sulle possibilità e le condizioni di azione sull’area interessata, classificata come ‘privata ad uso pubblico’.

L’Amministrazione ha così chiesto un parere pro veritate all’avvocato amministrativista Andrea Maltoni. Parere che ha stabilito che il Comune si faccia carico dei “progetti di lavori inerenti alla pavimentazione del porticato e a quelli che risultano funzionali ai medesimi comprensivi dunque, anche di quelli di spostamento degli impianti idraulici privati interrati in loco”. Ai privati – stabilisce il pronunciamento – invece spetteranno “le  spese relative ai lavori diversi da questi ultimi”.

“Superate le questioni formali, che fino ad oggi ci hanno impedito di intervenire in maniera più spedita, possiamo procedere con i lavori attesi e progettati, dopo diversi sopralluoghi”, spiega l’assessore Andrea Maggi, precisando che – come esplicitato nel parere richiesto – gli interventi saranno a carico  dell’Amministrazione comunale, previo accordo con la proprietà privata dell’edificio”. “È un momento importante, i lavori erano attesi da parecchio tempo e sollecitati dai residenti: attengono al decoro di una zona centralissima e, inoltre, faranno seguito all’azione (non cruenta) già portata avanti per la riduzione della presenza dei piccioni in galleria Matteotti”.

L’area interessata   – come specificato nel progetto – sarà  “il porticato sottostante il complesso edilizio posto tra via Amendola e via Vaspergolo, che si affaccia, a sud-est su Piazza Gobetti e a nord-ovest su Corso Porta Reno”. Al centro del progetto ci sono: la sostituzione della vetusta ‘gomma nera’ con un nuovo gres porcellanato antisdrucciolo dall’aspetto della pietra naturale, analogo a quello presente nei portici della vicina Galleria Matteotti, per “ mantenere una continuità nella tipologia dei materiali e nelle tonalità, che richiamano quella della vicina cattedrale”.

Un intervento, questo, che richiederà il rifacimento anche della struttura sottostante, operando fino a una profondità di 30-35 centimetri (con gli eventuali interventi, se necessari, di spostamento o sostituzione dell’impiantistica privata di allaccio e scarico). Inoltre saranno sostituite le lastre ammalorate di marmo che oggi circondano la superficie dei portici.  Nei piani c’è inoltre la pulizia delle pareti degli stessi portici, rivestite in granito e marmo. A tal fine saranno necessarie, preliminarmente: la verifica della stabilità dei rivestimenti delle pareti e dei soffitti e il loro fissaggio, se riscontrato  il rischio di caduta dei materiali. A questo punto si potrà procedere all’idrolavaggio. Soffitto e pareti saranno poi stuccate e ritinteggiate.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa