Gio 17 Feb 2022 - 38 visite
Stampa

Acaref lancia “Condividi la vita” contro le sindromi atassiche

Anche quest'anno partirà la campagna di raccolta fondi per sostenere la ricerca scientifica

Quanti fondi servono a sostegno della ricerca scientifica per trovare la cura a una malattia rara? La risposta è moltissimi, in maniera continuativa per molti anni.

Per questo la fondazione Acaref di Ferrara lancia, come ogni anno, l’iniziativa “Condividi la vita”, la campagna di raccolta fondi per sostenere la ricerca scientifica sulle sindromi atassiche, patologie degenerative mortali e attualmente incurabili.

Aderendo a questa campagna, con una sottoscrizione appunto annuale o ricorrente mensile, si può diventare “member” della fondazione e contribuire in maniera concreta a trovare una cura. Una vera e propria condivisione di valori, obiettivi e solidarietà.

Dal 2016, grazie all’importante partnership con l’Università di Ferrara, la fondazione Acaref sostiene un progetto di ricerca molto innovativo e promettente che richiede, però, un sostegno costante, l’unico in grado di garantire progressi e, in un futuro che si spera non troppo lontano, una soluzione per queste patologie.

“La ricerca scientifica è l’unica speranza che resta ai malati – spiega Silvio Sivieri, presidente della fondazione – che spesso sono i componenti di intere famiglie. Esistono, infatti, molte forme di atassie spinocerebellari, la maggior parte ereditarie e pertanto trasmissibili di genitore in figlio. I sintomi si manifestano prevalentemente in età giovanile o adulta, molto spesso dopo aver messo al mondo dei figli, inconsapevoli di avere una patologia genetica così grave e di cui non esiste ancora una cura”.

La campagna “Condividi la vita”, una delle molte iniziative messe in campo nel corso dell’anno, punta a creare un ponte tra donatori – che sono sia singoli che aziende del territorio – ricercatori e famiglie afflitte da questa patologia, per creare una vera e propria comunità solidale di sostegno alla ricerca. Perché le sindromi atassiche sono rare e poco conosciute, ma hanno un impatto devastante sui nuclei colpiti.

Chi vuole aderire e contribuire attivamente al progetto di ricerca può contattare il numero 331 2744091 oppure inviare una mail a info@acaref.org.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa