Mar 25 Gen 2022 - 1766 visite
Stampa

L’Ausl più vicina ai ferraresi con le sue “sentinelle” della salute

Da alcuni mesi procede il percorso di sperimentazione dell'infermiere di famiglia e comunità in città. Colombi (Ausl): "L'obiettivo è avere una figura che entri nei quartieri e nelle famiglie"

Ambulatorio via Cassoli

Da alcuni mesi, anche la provincia di Ferrara ha avviato il percorso di sperimentazione per avere le propriesentinelle“. È così che Marika Colombi, responsabile della direzione infermieristica Ausl, definisce il nuovo ruolo dell’infermiere di famiglia e comunità, ossia un innovativo “modello assistenziale che si sta implementando nel distretto Centro-Nord, e in particolare in città”.

Attualmente, l’Azienda Usl ha arruolato otto infermieri e attivato quattro sedi ambulatoriali, distribuite tra la Cittadella San Rocco, la struttura sanitaria di via Gandini, l’ambulatorio di via Cassoli e la Casa della Salute di Pontelagoscuro, a cui si aggiunge in integrazione la sede di Barco a giorni alterni, attive dal lunedì al venerdì in un orario variabile tra le 8.30 e le 18.30, mentre il sabato solamente alla mattina.

Questa disposizione permette “di raggiungere oltre il 50% della popolazione cittadina” spiega Colombi, “pur sapendo che lo standard a cui dobbiamo attendere è di un infermiere ogni circa 2.500 abitanti, che già ci fornisce la dimensione della funzione importante di questa figura, che deve entrare nei quartieri, nelle famiglie ma soprattutto nelle comunità, e per questo deve avere un ambito di azione legato alla territorialità e a un nucleo di cittadini circoscritto“.

Diverse le modalità con cui le “sentinelle” vengono allertate, come nel caso di un percorso di dimissioni di un paziente dall’ospedale o per le segnalazioni di un’eventuale problematica da parte uno specialista, fino alla loro attivazione in contesti socio-sanitari come strutture sociali o scuole. Inoltre, l’obiettivo è tessere relazioni anche con farmacie, parrocchie e i diversi attori sociali sul territorio di riferimento.

“Gli infermieri di famiglia e di comunità – aggiunge poi la responsabile – intercettano le problematiche e le orientano in percorsi di cura e prevenzione, costituendo uno snodo all’interno della rete delle cure territoriali, articolandosi con la medicina generale, la pediatria di libera scelta o con gli specialisti ospedalieri. Un vero e proprio anello mancante che dovrà garantire la risposta di prossimità anche in contesti diversi da quelli cittadini”.

“Questa nuova figura – precisa Colombi – non si sostituisce, ma si integra, all’infermiere dell’assistenza domiciliare, che ha un percorso di attivazione in cui c’è un inizio, una presa in carico e solitamente una conclusione, e si occupa di elementi legati ad alcune attività prestazionali come le medicazioni, i prelievi ematici o il controllo di alcuni dispositivi medici“.

A tal proposito, conclude, l’infermiere di famiglia e comunità “collabora nella gestione di casi complessi, ma garantisce alla comunità e all’utenza dei percorsi legati all’orientamento nei servizi sanitari e socio-sanitari, educando e informando rispetto all’aderenza terapeutica fino a percorsi di promozione della salute ancora prima della problematica cronica“.

La sperimentazione durerà tre mesi. Dopodiché, dal momento che il progetto è inserito in un protocollo di ricerca approvato dal comitato etico di Area Vasta Emilia Centro, i dati raccolti verranno analizzati per strutturare la contestualizzazione del programma in altri territori provinciali, già esteso ai distretti Sud-Est e Ovest in queste ultime settimane.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa