Ven 5 Nov 2021 - 3056 visite
Stampa

Cariani (Ausl): “Davanti a un caso di ictus chiamare immediatamente il 118”

Il direttore dei Ps provinciali invita la popolazione a non avventurarsi in auto verso gli ospedali: "Necessario intervenire senza perdere tempo"

L’ictus è una delle principali cause di morte e il primo responsabile di invalidità permanente negli adulti.

Nel territorio di Ferrara e provincia, le due aziende sanitarie hanno dato vita a un percorso diagnostico terapeutico assistenziale tramite alla collaborazione di un gruppo multidisciplinare di specialisti, che ha messo a punto questo progetto per cercare di ottimizzare e allo stesso tempo garantire un trattamento appropriato e tempestivo nel momento in cui un paziente è colpito da ictus.

“L’ictus – spiega Daniele Cariani, direttore dei Ps provinciali di Ausl Ferrara – è nella maggior parte dei casi provocato da una riduzione del flusso sanguigno a livello cerebrale. Nell’80-85% dei casi è dovuto a un coagulo o un trombo e si definisce ischemico, mentre altre volte è causato da una lesione dei vasi a livello cerebrale, vale a dire l’ictus emorragico. Questa riduzione causa un deficit di tipo funzionale importante. I primi sintomi devono essere subito riconosciuti dal testimone dell’evento per cercare di intervenire in maniera corretta e facilitare l’entrata della vittima nel percorso assistenziale”.

Il cittadino è quindi fondamentale: “Nella catena della sopravvivenza dell’ictus, chi assiste all’evento risulta essere il primo attore e dovrebbe immediatamente riuscire a riconoscere segni e sintomi, senza caricare il paziente in automobile per ospedalizzarlo ma allertando immediatamente il 118, tramite cui gli operatori manderanno poi un mezzo dedicato per trasportare la persona colpita nell’ospedale più appropriato, e non quello più vicino”.

Di vitale importanza resta la tempistica con cui tutto si svolge: “Come nel caso dell’infarto miocardico, anche l’ictus fa parte delle patologie tempo dipendenti, vale a dire quelle per cui è necessario intervenire senza perdere tempo, in modo tale da evitare esiti invalidanti molto importanti. Il familiare o la persona vicina alla vittima, chiamando immediatamente il 118, evita che il paziente peggiori con il passare delle ore e non sia poi più possibile limitare i danni. Nonostante ciò, anche i pazienti che si presentassero al pronto soccorso, saranno presi in carico. Poi, una volta che i medici li hanno stabilizzati e valutati, li reindirizzeranno verso la struttura di riferimento, che è l’ospedale di Cona”.

“Se le prime avvisaglie dell’infarto – chiude Cariani, soffermandosi sui primi sintomi e mettendo in guardia la popolazione – sono facili da individuare, come per esempio il dolore toracico, per gli ictus è più complicato, dal momento che i sintomi improvvisi che  compaiono sono frequentemente la deviazione della bocca, la perdita di forza di braccia e gambe e la difficoltà a parlare. Quindi quando si assiste a questi primi avvertimenti, è utilissimo e fondamentale chiamare subito il 118”.




Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa