Lun 8 Feb 2021 - 619 visite
Stampa

Alle svastiche il Pd di Porotto risponde con i suoi martiri della Libertà

Fiori dove i fascisti trucidarono Ugo Costa. Ipotesi di un comitato permanente per le celebrazioni

Due settimane fa una mano criminale imbrattò con simboli nazisti la vetrina all’ingresso del circolo del Partito Democratico di Porotto alla vigilia del Giorno della Memoria. Ieri è arrivata la risposta ufficiale.

Una risposta che ricorda i martiri della Libertà che vennero trucidati in quel luogo.

Pochi giorni prima della Liberazione, il 21 aprile ‘45, sette giovani di Porotto e Fondoreno, vennero uccisi dai nazifascisti. La loro “colpa” era quella di aver distribuito stampa clandestina a supporto della Resistenza che si stava organizzando in città.

Vennero presi ad uno ad uno e torturati con una barbarie inaudita. Un mese prima, il 25 marzo, in una casa sulla Via Arginone e sulla sponda del canale Poatello, che attraversa il piccolo centro di Porotto, altri tre giovani erano stati giustiziati. Erano venuti dalla zona di Bologna per istruire e supportare i partigiani locali, uno era stato ucciso subito, gli altri due portati in carcere, picchiati e interrogati tutta la notte. Non hanno parlato, furono fucilati il giorno dopo sulle rive del canale, il loro corpo trasportato su un carretto fino alla piazza, ai loro piedi il cartello “Partigiani”.

Erano Ugo Costa, 40 anni di San Martino, Luciano Gualandi, 25 anni, di Bologna e Giorgio Malaguti 21 anni di Galliera.

E’ proprio dalla Sezione Anpi di Galliera che è arrivato un segnale forte dopo i preoccupanti fatti che hanno coinvolto il circolo Pp di Porotto nelle ultime settimane.

In segno di solidarietà e comunanza – spiegano Diego Arcudi, segretario del circolo Pd Nord Ovest, e Alessandro Talmelli, segretario comunale del Pd di Ferrara – rispetto ai valori dell’antifascismo che uniscono le due comunità, Cristiano Garavini (presidente dell’Anpi di Galliera) e Teresa Vergnana (ex sindaca di Galliera) con alcuni parenti di Giorgio Malaguti, hanno voluto recarsi insieme agli amici del Circolo di Porotto, sul Cippo di Via Tagliaferri per deporre un mazzo di fiori”.

Erano presenti l’onorevole Paola Boldrini, il segretario comunale Alessandro Talmelli, il segretario del Circolo di Porotto Diego Arcudi, il capogruppo Francesco Colaiacovo insieme ai consiglieri Caterina Ferri e Simone Merli, insieme a un nutrito gruppo di cittadini di Porotto.

“E’ necessario – hanno detto nell’occasione – continuare a lavorare per tenere vivi i valori dell’antifascismo, consapevoli che nessuna conquista è definitiva”. Da questa consapevolezza nasce anche l’intenzione di “costituire un comitato permanente per le celebrazioni”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 17 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa