Dom 22 Nov 2020 - 204 visite
Stampa

Lo storico Panzetta racconta “Animali e Animaliers” nella scultura italiana tra Otto e Novecento

Nel volume anche le opere di diversi artisti ferraresi, da Minerbi a Nenci

“Sulle rovine di Verdun” di Arrigo Minerbi

È uscito in questi giorni un volume curato dallo storico dell’arte Alfonso Panzetta che raccoglie le immagini di sculture realizzate da importanti artisti operanti in Italia tra l’Otto e Novecento. Il titolo della pubblicazione è “Animali e Animaliers nella scultura italiana tra Neoclassicismo e Novecento” per le Edizioni Fioranna di Napoli nella quale lo studioso ferrarese ne traccia la cronistoria.

Tra le 456 immagini pubblicate che comprendono le sculture dei maggiori artisti ( per citarne alcuni: Canova, Canonica, Bistolfi , Wildt, Martini, Marini, Andreotti, Manzù, Messina, Fontana, ecc.) che hanno plasmato o scolpito in varie materie forme tratte da animali domestici e selvaggi.

Dei ferraresi presenti -nati o per operatività locale – i nomi di Arrigo Minerbi (1881-1960), Enzo Nenci (1903-1972), Antonio Alberghini (1888-1979) , Gino Colognesi (1899-1972), Napoleone Martinuzzi (1892-1977) e Mario Sarto (1885-1966).

Arrigo Minerbi è presente con il bronzo “Sulle rovine di Verdun” del 1915, rappresentato da un simbolico “gallo” che canta il riscatto della Francia in guerra iniziato con la tragedia della grande battaglia di Verdun, e con il marmo “L’aviatore caduto” del 1943, dove due aquile assistono alla morte dell’aquila caduta colpita in volo, mentre Enzo Nenci è presente con una terracotta patinata del 1951 che raffigurano due “Cavalli etruschi” impregnati di quel sentore metafisico che li colloca in una astrazione superiore alla loro natura. Antonio Alberghini, con un naturalista “Tacchino ”in terracotta che fa la ruota e Gino Colognesi con il “Toro” in bronzo del 1938 conservato alla Gam di Ca’ Pesaro e da un “Vitellino”, in bronzo; di Napoleone Martinuzzi (suo è il bellissimo San Giorgio posto sulla facciata della sede ferrarese delle Poste ) è il “Tacchino” in rame argentato del 1917, un bassorilievo conservato alla Gam di Ca’ Pesaro e di Mario Sarto, nato a Codigoro e autore di diversi monumenti ai Caduti nella bassa ferrarese, un fiero bronzeo “Leone” accovacciato posto nella Certosa di Bologna.

Una raccolta di immagini per rappresentare le nature animali come simboliche forme per raccontare una varietà di sentimenti umani.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa