Sab 31 Ott 2020 - 431 visite
Stampa

Piano di zona, quasi un milione e mezzo di euro per salute e benessere sociale di Ferrara

Il piano attuativo 2020 ha nuovo capitolo di azioni di contrasto a diseguaglianze e crisi generata dalla pandemia

Ammonta a 1 milione e 826mila euro il valore complessivo a disposizione per la programmazione attuativa 2020 del Piano di zona per la salute e il benessere sociale del Distretto Centro Nord, che è composto dai Comuni di Ferrara (capofila), Berra, Copparo, Formignana, Jolanda di Savoia, Masi Torello, Ro Ferrarese, Tresigallo, Voghiera.

La programmazione con le relative risorse a disposizione è stata infatti approvata dal Comitato del distretto presieduto dall’assessore alle Politiche Sociali Cristina Coletti del Comune capofila di Ferrara, nel corso della seduta del 28 ottobre. In questa occasione – spiega l’assessore Coletti – “lo stanziamento e la suddivisione delle risorse sono stati programmati nella consapevolezza che l’emergenza sanitaria da Covid-19 ha modificato notevolmente i bisogni. In particolare abbiamo ritenuto necessario riformulare alcune linee di indirizzo nei confronti dei diversi attuatori del Piano, in modo che le modalità di realizzazione delle azioni tenessero conto delle esigenze espresse nelle diverse fasi della pandemia da tutti i cittadini in situazione di fragilità”.

I Servizi sociali e socio sanitari sono chiamati a sostenere le fasce di popolazione più fragili, e per farlo – sottolinea l’assessore Coletti – sarà importante “riuscire ad aggiornarsi e riorganizzarsi, mettendo in campo forme nuove di prossimità alle persone e alle famiglie. Per raggiungere questo obiettivo si è deciso di valorizzare e rafforzare le reti di esperienze già presenti, ma anche di modificarle in maniera flessibile per poterle adeguare al nuovo contesto tenendo in particolare considerazione il potenziamento dei servizi a distanza”.

Nell’ambito del valore complessivo del Piano Attuativo 2020 (che ammonta a 1.826.051,94 euro) una quota di 319mila euro saranno a disposizione del Settore Servizi alla Persona del Comune di Ferrara per progetti a valenza sociale, 598mila euro saranno destinati a progetti e servizi di Asp Ferrara, 362mila euro andranno a finanziare progetti e attività dell’Istituzione scolastica, mentre il Servizio giovani riceverà 95mila euro per progetti specifici.

Tra le novità introdotte c’è la predisposizione di un capitolo dedicato alle Azioni di contrasto alle disuguaglianze e alla crisi economica-sociale che si sono generate in seguito all’epidemia da Covid-19. In questo campo rientra lo Sportello Sociale Unico Integrato, finanziato con 100.000 euro che verrà attivato dal Comune di Ferrara nei primi mesi del 2021. “Si tratta di uno strumento in grado di rispondere alle nuove esigenze di tutti i cittadini bisognosi di protezione sociale – dice l’assessore Coletti – dei quali fanno parte anche tanti cittadini attualmente sconosciuti ai Servizi e le cui fragilità sono da ricondurre in parte alla crisi economica che ha prodotto nuove povertà e in parte all’emergenza sanitaria”.

Di rilievo poi l’attribuzione di una parte delle risorse a progettazioni con il Terzo Settore, composto dalle associazioni di volontariato e dalle imprese sociali. “Un fondo di circa 100mila euro – fa notare l’assessore Coletti – verrà assegnato mediante procedure ad evidenza pubblica o di co-programmazione e co-progettazione, per promuovere la collaborazione tra i diversi soggetti che si muovono nell’ambito del sociale, consentendo una diversificazione dei modelli organizzativi e delle forme di erogazione dei servizi, che dovranno essere maggiormente flessibili per dare risposte concrete in un momento così delicato dal punto di vista sanitario e sociale, promuovendo il Welfare comunitario del Piano per la Salute e il Benessere Sociale.

La parte rimanente delle risorse è inerente la progettazione degli altri Comuni del distretto, tenuto conto che la somma complessiva è stata suddivisa fra gli stessi in proporzione al numero degli abitanti.

Nel corso della riunione, il Comitato di Distretto ha valutato anche la presentazione del curriculum del candidato Direttore del Distretto a seguito degli esiti della selezione pubblica per l’attribuzione dell’incarico triennale di direttore del Distretto Centro Nord espletata dall’Azienda Usl di Ferrara. Il Comitato composto dal direttore uscente Renato Cardelli e da tutti i sindaci del Distretto ha quindi proceduto alla nomina di Emanuele Ciotti, medico di sanità pubblica con pluriennale esperienza anche di modelli organizzativi e gestionali nell’ambito delle cure primarie, nel ruolo di nuovo direttore del Distretto Centro Nord per i prossimi tre anni.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa