Ven 23 Ott 2020 - 472 visite
Stampa

Il Comune di Ferrara si lascia scappare 140mila euro per il “Bike to work”

Il progetto prevedeva anche incentivi chilometrici fino a 50 euro al mese ai lavoratori con fondi regionali

Perché perdere decine di migliaia di euro senza attivarsi per incentivare l’uso della bicicletta nel percorso casa-lavoro? Se lo chiede il Partito democratico in una interrogazione a firma Aldo Modonesi e Anna Chiappini, ricordando che la Regione Emilia-Romagna ha attivato nel giugno 2020 il progetto “Bike to work” con il quale premia con 3,3 milioni di euro i 30 Comuni firmatari del Piano Aria Integrato Regionale (tra i cui Ferrara) con finanziamenti fino al 70% per interventi strutturali per realizzare corsie riservate al trasporto pubblico locale e piste ciclabili, oltre ad altre misure per rendere agevole muoversi sulle due ruote in città e incentivi chilometrici fino a un massimo di 50 euro al mese ai lavoratori che scelgono le due ruote per andare in azienda e fino a 300 euro agli abbonati ferroviari per comprare la bici pieghevole”.

Il contributo regionale destinato al Comune di Ferrara ammonta a 138.825 euro, dei quali la metà (69.412,82 euro) destinati a finanziare incentivi per gli spostamenti casa-lavoro in bicicletta dei dipendenti di aziende del territorio sulla base di accordi con le aziende stesse, per promuovere l’uso della bicicletta in sostituzione dell’autoveicolo privato.

Già in maggio e luglio il Pd aveva chiesto a sindaco e assessore alla mobilità di sollecitare interventi a sostegno della mobilità sostenibile, tra i quali anche l’attivazione del bike to work.

Ma lo scorso 2 settembre il vicesindaco e assessore alla mobilita Nicola Lodi ha risposto, “come spesso capita – sottolineano i consiglieri-, evasivamente alle interpellanze, limitandosi a indicare l’ammontare dei fondi ricevuti dalla Regione, senza indicare tempi e modalità di attuazione degli interventi relativi al bike to work”.

Numerosi altri Comuni invece (la quasi totalità dei capoluoghi di provincia, con Modena, Bologna, Parma tra i primi che hanno avviato la sperimentazione, ma anche realtà non capoluogo di provincia come Imola e Faenza) hanno già sottoscritto le convenzioni con le aziende, emesso i bandi e avviato le sperimentazioni.

In questi giorni si è levato anche il grido di allarme di Fiab Ferrara, “che ha denunciato l’immobilismo del Comune, che a parte la somministrazione di un questionario, pare non aver ancora attivato alcun intervento a causa di non meglio chiariti problemi di privacy”.

“Quindi il Comune – fanno notare i dem -, come già successo con la sperimentazione per la micromobilità elettrica non attivata nei tempi previsti dai decreti legislativi e nonostante i numerosi solleciti anche del nostro gruppo consiliare, rischia di perdere il finanziamento regionale e di non attivare il progetto bike to work”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa