Ven 2 Ott 2020 - 1456 visite
Stampa

Partono gli indennizzi agli azzerati Carife

Iniziano i bonifici agli ex azionisti. Per gli obbligazionisti che hanno già ottenuto un indennizzo dell'80% c'è la possibilità di chiedere un ulteriore 15%

Marco Cappellari dell’associazione Amici della Carife

Fino al 18 giugno i 32.000 ex azionisti e obbligazionisti della ex Cassa di risparmio di Ferrara sono stati impegnati a presentare la domanda di indennizzo al Fir, Fondo Indennizzo Risparmiatori. Poi l’estate, e ora? Da dati ancora ufficiosi i risparmiatori che hanno presentato la domanda dovrebbero essere un numero prossimo ai 20.000, Il numero ufficiale non è ancora stato reso noto. Ma quando arriveranno gli agognati indennizzi agli azzerati della ex Cassa di Risparmio di Ferrara?

“Siamo stati in continuo contatto con il Consap, l’ente che si occuperà di erogare l’indennizzo agli azionisti e obbligazionisti, e con il Ministero dell’Economia – sostiene Marco Cappellari, presidente dell’associazione Amici della Carife – per comprendere l’evoluzione della situazione. Attendiamo ancora molti dati e il quadro di cifre e tempi di pagamento non è ancora del tutto chiaro. Ieri comunque una bella notizia. Il sottosegretario del Ministero dell’Economia, Alessio Villarosa, ha dichiarato che la Commissione tecnica del Fir (Fondo Indennizzo Risparmiatori) ha deciso l’avvio della procedura dei bonifici ai risparmiatori azzerati”.

“In queste settimane/mesi – prosegue Cappellari – il Fir sta chiedendo ad una parte dei risparmiatori via email di consegnare eventuali documenti mancanti non inseriti nel momento di presentazione della domanda. E’ importante quindi controllare sempre attentamente la posta elettronica, ed eventualmente anche la casella dello spam/posta indesiderata”.

Dal 2 ottobre, quindi, come comunicato in modo ufficiale anche sul sito del Fir, iniziano i bonifici ai risparmiatori. I bonifici saranno in due momenti: un primo bonifico sarà del 40% della somma a cui ha diritto il risparmiatore (il 30% di quanto aveva speso per i titoli azzerati); in un secondo momento vi sarà il pagamento del saldo del 60%.

Vi è poi un’altra notizia che riguarda gli obbligazionisti che due anni fa hanno già ottenuto un indennizzo dell’80% dell’importo azzerato. Per essi c’è ancora la possibilità di richiedere un ulteriore 15% al Fitd (Fondo Interbancario per la tutela dei depositi), che recentemente ha riaperto i termini per inoltrare la domanda. “Con tale secondo indennizzo – commenta Cappellari – la percentuale di indennizzo per gli obbligazionisti diverrà il 95% della somma in passato investita. La domanda va presentata entro il 30 novembre”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi