Gio 1 Ott 2020 - 137 visite
Stampa

‘Salviamo gli alberi al Barco’, accolta la petizione popolare

L'assessore Maggi racconta i passaggi determinanti del percorso di Giunta e Consiglio comunale per salvaguardare un'importante zona del nostro territorio

“La zona di Barco è una parte delicata della nostra città che paga già un forte tributo in termini ambientali, sia per la sua vicinanza all’area industriale sia per la prossimità a via Padova. Per questo la Giunta e tutta l’Amministrazione comunale di Ferrara puntano a conservarla nello stato attuale, rispettando la fascia di alberi importanti che la costeggia con la sua ciclabile che arriva fino a Pontelagoscuro, vero e proprio cuscinetto di verde che separa l’abitato dal traffico”.

Così l’assessore Andrea Maggi, è intervenuto raccontando i passaggi della petizione popolare “Salviamo gli alberi di Barco” promossa da un gruppo di residenti di Barco decisi a tutelare il loro territorio, giunta lunedì scorso dopo il vaglio della Giunta in Consiglio comunale dove ha raccolto il voto unanime da parte di tutte le forze politiche. Alla conferenza stampa erano presenti il capogruppo Pd Francesco Colaiacovo e due dei promotori della petizione giunta a buon fine, Gianni Rossi e Maria Grazia Soavi.

Il percorso aveva preso il via ad opera di un gruppo di residenti del Barco subito sensibilizzati al momento dell’installazione di un grosso cartello nell’area verde parallela a via Padova, vicino alla palestra 4 Torri, dove una società di Milano pubblicizzava la vendita dell’area, presentandola come edificabile. A questo punto, dopo avere condiviso l’informazione con lo stesso assessore Maggi, è stata lanciata una petizione denunciando come “il bellissimo parco del quartiere Barco sarà raso al suolo per lasciare spazio all’ennesima colata di cemento. Vogliono abbattere alberi adulti decennali per costruire nuovi palazzi in una zona che non ha la vocazione per essere considerata edificabile e che rappresenta uno dei pochi polmoni verdi di questo quartiere inquinato, che ha assolutamente bisogno di piante. La zona imputata è situata nei pressi di via Padova, in via Lodovico Mazzolino: una piccola via a fondo chiuso situata nel quartiere Barco, posta di fronte alla palestra 4 torri.”

La petizione, raccolto il numero di firme necessarie grazie anche al contributo dell’organizzazione ambientalista “La voce degli alberi”, è stata quindi trasmessa all’Amministrazione comunale.

“Dalle verifiche subito effettuate nella fase istruttoria – ha ricordato l’assessore Maggi – è così emerso come all’interno del Psc, il Piano Strutturale comunale, nell’area in questione è effettivamente prevista la possibilità di realizzare sia un insediamento residenziale sia un’area di forestazione. Tuttavia il Psc, per potere diventare operativo ha bisogno del Poc, lo strumento che nello specifico autorizzi la sua messa in atto. Pertanto – ha aggiunto l’assessore – pienamente determinata a mettere uno stop alla possibilità di edificazione in quest’area e a salvaguardare questa piccola ma importante zona del nostro territorio da un inevitabile scempio, la Giunta comunale ha deciso di recepire le motivazioni della petizione impegnandosi a non accogliere eventuali istanze di variante anche in caso di modifica al Poc.”

Un impegno formale della Giunta, votato e condiviso con il Consiglio comunale – che ha contribuito con un emendamento rafforzativo del consigliere Colaiacovo -Pd e il voto unanime – finalizzato a confermare la piena messa in sicurezza dell’area.

“In questa storia iniziata male ma dall’epilogo felice  – ha concluso l’assessore ringraziando i promotori, i cittadini che hanno messo in campo la petizione e il Consiglio comunale per la disponibilità e la collaborazione –  è prevalso l’interesse dei cittadini e il buon senso di una comunità a salvaguardia di un’area fondamentale per l’intera città”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi