Mer 16 Set 2020 - 671 visite
Stampa

Stipati in bus come sardine

Gentile Redazione,

sono una frequentatrice dei mezzi pubblici, anche extra urbani e da ieri sento in forte pericolo la mia salute in primis, e anche quella degli altri viaggiatori costituiti soprattutto da studenti.

Dopo giorni e giorni di “polemiche” sugli scuolabus (mascherina sì mascherina no, distanziamenti, finestrini aperti, tempo di percorrenza inferiore o superiore ai 15 min…), finalmente si aprono le scuole e la mia curiosità sulle regole anti covid dei mezzi pubblici, era palpante.

Ovvero più che curiosità, si chiamava preoccupazione! Infatti, mi aspettavo che l’azienda trasporti, memore del caos degli anni passati negli orari di punta (ore 13) dei primi giorni di scuola, quando studenti e non studenti, per la ressa erano costretti ad aspettare almeno un’ora un altro mezzo per tornare a casa, provvedesse a di conseguenza, a maggior ragione ora in virtù del virus.

Il film purtroppo si è ripetuto anche in epoca Covid. Lunedì primo giorno, stipati come le sardine, con alcuni giovani poco rispettosi della regola di indossare la mascherina, si torna a casa, con l’unico desiderio di scendere e di fare il bagno nell’amuchina.

Il secondo giorno appare un mezzo in più, ma il vecchio e scomodo pullman di una dita appaltatrice, non risolve affatto il problema. Ancora stipati come sardine. Per la prima volta avverto un preoccupante rischio alla salute.

Oltre ai bus scolastici, chi controlla quelli pubblici?

E dire che da Ferrara ad Anita ci si impiega ben oltre i 15 minuti…

Liviana Zagagnoni

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi