Dom 2 Ago 2020 - 266 visite
Stampa

Treni, “preoccupante sovraffollamento senza mascherine”

I sindacalisti allarmati in vista della Settimana Rosa: "Regione e Prefetture intervengano con misure speciali per evitare contagi"

Treni sovraffollati nei weekend, passeggeri senza mascherine, gestione approssimativa dei flussi. Sono i problemi che preoccupano i sindacati di categoria, specialmente in vista della Settimana Rosa – evento dal 3 al 9 agosto dalla forte attrattiva turistica e mediatica, con concerti ed eventi sulle spiagge – soprattutto riguardo alla gestione dei previsti notevoli flussi di viaggiatori a bordo dei treni e in arrivo nelle stazioni.

“Senza misure specifiche di gestione dei flussi, le stazioni ferroviarie sono i primi luoghi potenzialmente ad alto rischio che possono esporre passeggeri e personale addetto a un possibile contagio” è l’allarme lanciato da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Af, Fast Confsal e Orsa Emilia-Romagna.

I sindacalisti ricordano questo aspetto perché “durante gli scorsi weekend si sono verificati diversi episodi di sovraffollamento che hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine, soprattutto in località turistiche dove non è presente la Polizia ferroviaria, causando ritardi e disagi ai viaggiatori. In alcuni casi i passeggeri si sono rifiutati di indossare le mascherine, nonostante i ripetuti annunci a bordo treno e nella stazioni, scaricando tutta la responsabilità sul personale viaggiante”.

“È in corso una gestione approssimativa dei flussi dei viaggiatori, anche perché la misurazione della temperatura corporea non avviene in maniera capillare e i marker utilizzati sui marciapiedi iniziano a mostrare segni di logoramento” riportano i sindacalisti che hanno segnalato la situazione all’incontro del 27 luglio scorso con le aziende Tpl, le Agenzie della mobilità e l’Assessorato regionale ai Trasporti.

“In quella sede abbia chiesto più sicurezza nei trasporti pubblici e più sorveglianza da parte di chi deve controllare – rimarcano dal sindacato -. Nelle stazioni ferroviarie devono essere adottate soluzioni affinché ci sia un filtro dei flussi di passeggeri con la verifica dell’utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie e la verifica del possesso del titolo di viaggio. Perché è inaccettabile che in questa fase lavoratrici, lavoratori e passeggeri viaggino nelle stesse condizioni dell’estate scorsa. Le scene nelle ore di punta dei weekend di persone ammassate nelle carrozze, con o senza mascherine, sono lì a dimostrarlo”.

“Ricordiamo pure che il controllo effettivo del rispetto delle norme sanitarie e di viaggio sono completamente a carico del personale di bordo. La salute e sicurezza del personale front-line è quindi una priorità imprescindibile” aggiunge il sindacato unitario pronto a “tutelare, anche legalmente, il personale in caso di condizioni di viaggio non conformi all’attuale quadro normativo”.

A pochi giorni della “Settimana Rosa”, chiedono quindi “un atto di responsabilità da parte delle Prefetture territoriali e della Regione Emilia-Romagna con scelte organiche e straordinarie, adeguate allo scenario che si presenterà, affinché vengano adottate le massime misure per limitare il diffondersi del contagio e del panico, nell’interesse delle lavoratrici, dei lavoratori e dei passeggeri coinvolti”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi