Gio 6 Ago 2020 - 93 visite
Stampa

AI: come programmare un sistema di trading automatico

Un linguaggio di programmazione standard è il punto di partenza per la creazione di un sistema di trading, per la quale è necessario programmare in maniera appropriata un software ad hoc. La progettazione di un trading system ovviamente non è un’attività che si possa improvvisare da un giorno all’altro, perché oltre all’implementazione in un codice è necessario tenere conto anche delle fasi di test. Ma qual è la procedura precisa da seguire? Prima di capirlo, andiamo alla scoperta di uno dei tanti software di trading automatico che si possono trovare sul mercato: Bitcoin Profit.

Che cos’è e a che cosa serve Bitcoin Profit

Bitcoin Profit è un software per il trading automatico che promette a chi lo utilizza guadagni giornalieri piuttosto elevati. Ricordando che prima di iniziare a usare questo programma conviene sempre dare uno sguardo alle recensioni e ai commenti degli utenti sul web, occorre sottolineare che la registrazione alla piattaforma è molto semplice e veloce: tutto quel che bisogna fare è digitare nome e cognome, insieme con il proprio numero di telefono e il proprio indirizzo di posta elettronica. Come si vede, non occorre fornire dati riguardanti il conto in banca e la carta di credito: una garanzia di sicurezza.

La nascita di un sistema di trading automatici

Per la creazione dei trading system automatici è necessario fare in modo che le regole del sistema vengano convertite in un codice che possa essere compreso e riconosciuto dal computer. Le regole vengono implementate in una piattaforma di trading: attualmente sono tanti i programmi che sono in grado di supportare il trading automatico. Il pregio più significativo dei sistemi di trading automatico è rappresentato dal fatto che dopo che è stato individuato un sistema redditizio il singolo trader non è più costretto a intervenire, fino a quando non ci sarà bisogno di un cambiamento per effetto della variazione delle condizioni di mercato. In ogni caso può essere utile anche conoscere e riconoscere i potenziali punti deboli di queste soluzioni, che possono essere foriere di perdite pesanti nel caso in cui non siano programmate in modo appropriato o testate ad hoc. Va ricordato, poi, che in alcuni casi codificare regole specifiche in un algoritmo è molto complicato, se non addirittura impossibile.

Le regole e il codice

Dopo aver stabilito le caratteristiche del sistema di trading che si ha intenzione di implementare si può passare allo step seguente: le regole del sistema devono essere tradotte in un codice che risulti comprensibile per il computer. La creazione del codice corrisponde alla creazione di tabelle e variabili a cui deve essere attribuito un valore; le variabili sono degli oggetti che l’utente definisce al fine di conservare i dati. Al tempo stesso, in questa fase devono essere fornite le istruzioni che occorrono per la manipolazione dei dati affinché i risultati che si ricavano possano venire impiegati per prendere delle decisioni.

Come si testa un sistema di trading automatico

Quasi tutte le piattaforme di trading consentono di eseguire sia i test logici che i test tecnici. Il backtesting è l’esempio più celebre di test logico: in sostanza prevede di applicare a dati del passato il sistema di trading che si è creato per verificare se risulterebbe redditizio, se sono presenti degli errori nelle regole che gli sono state assegnate e quali sono le condizioni in cui potrebbe dare i profitti più elevati. Il sistema dovrebbe essere testato su diversi titoli e azioni, così da prevenire il fenomeno di iper ottimizzazione: è ciò che si verifica quando la performance è strettamente legata a parametri e settaggi precisi che in passato hanno funzionato bene ma che non possono più essere adattati al futuro a causa della scarsa flessibilità del sistema. I test tecnici, infine, sono quelli che servono a individuare errori, come per esempio la mancanza di un elemento di programmazione, che potrebbero impedire al codice di funzionare.

Ogni volta che pubblichaimo informazioni su un sistema di investimento o guadagno ripetiamo lo stesso alert: non spendete soldi se non siete sicuri di quello che state facendo!

Messaggio pubbliredazionale

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi