Dom 12 Lug 2020 - 1338 visite
Stampa

Polemiche per la mini area pedonale, il sindaco: “È un dehor esterno”

Da Jolanda Paolo Pezzolato chiarisce: "È lo spazio concesso ad una delle attività che ha chiesto di estendere lo spazio per i clienti"

Jolanda. In termini di dimensioni, batte probabilmente tutti i record l’area pedonale istituita dal Comune di Jolanda all’altezza del civico 19 di via Martiri, in corrispondenza di una gelateria e a ridosso di un ampio piazzale adibito per gran parte del tempo a parcheggio.

A segnalare la strana situazione è un cittadino che, metro alla mano, ha misurato l’area in questione, delimitata da fioriere e transenne che circondano delle strisce pedonali: 7,60 per 6,40 metri in tutto.

“L’amministrazione comunale ha completamente bloccato, a quanto pare fino al 31 agosto, la viabilità su un tratto di strada del Centro Capoluogo abbastanza importante, creando, di fatto, non pochi problemi al traffico, anche ciclistico e, addirittura, anche per i pedoni. Tutto questo, per istituire in modo permanente e continuativo un’area pedonale esattamente allocata su uno dei passaggi pedonale della via e ad uso esclusivo del prospiciente Bar-Gelateria, che tra l’altro per gran parte della giornata rimane chiusa”.

Interpellato per un chiarimento in merito, il sindaco Paolo Pezzolato spiega che si tratta di una soluzione adottata per permettere alla gelateria l’estensione del dehor, ossia dello spazio esterno su cui collocare tavoli e sedie per i clienti. “Prima della riapertura dei locali, come amministrazione comunale, ci siamo chiesti in che modo tenere limitati i contagi facendo comunque lavorare tutte le attività. Abbiamo quindi dato l’opportunità a tutti i commercianti di posizionare sedie e tavolini anche sulla strada, in modo da garantire il rispetto del distanziamento sociale” spiega Pezzolato.

“Per ora due sono le attività che hanno aderito. Spiace constatare la mancanza di solidarietà di alcune persone, per fortuna poche, nei confronti di lavoratori che hanno visto crollare il proprio reddito a causa del virus. La salute di tutta la nostra popolazione deve essere assolutamente preservata, questo è il momento di rimboccarsi le maniche, non quello di fare sterili polemiche” conclude.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi