Mer 1 Lug 2020 - 1095 visite
Stampa

In manette due truffatori di anziani in ‘trasferta’

Scoperti e arrestati dai Carabinieri all'uscita dall'abitazione di una pensionata che avevano appena raggirato. Fondamentale la segnalazione di un vicino

Due malviventi in ‘trasferta’ a Ferrara sono stati scoperti e arrestati dai Carabinieri dopo aver truffato un’anziana pensionata di 87 anni, residente in via Calzolai, spacciandosi per addetti di una ditta di Bergamo – effettivamente esistente – specializzata nel settore dei rilevatori di gas.

In manette sono finiti il 21enne J.C., un pregiudicato nato a Esine ma residente a Minerbio (Bo), e il 22enne V.A., altro pregiudicato nato e residente a Brescia. I due nel pomeriggio di martedì 30 giugno si sono portati presso l’abitazione della pensionata convincendola di dover acquistare, in quanto obbligatorio per legge, un rilevatore di gas metano al prezzo di 300 euro. La signora è caduta nel tranello e ha effettuato l’acquisto, pagando in contanti e ricevendo in cambio un rilevatore di fumo antincendio, di cui poi si è riscontrato che il valore economico effettivo era di circa 15 euro.

Il colpo sembrava andato a buon fine, se non fosse che un vicino della signora, isnospettito dagli strani atteggiamenti dei due, ha pensato bene di avvertire i Carabinieri, che sono giunti con una pattuglia sul posto e hanno sorpreso i truffatori all’uscita dell’abitazione.

Uno dei due malviventi arrestati ha precedenti specifici, relativi a una truffa effettuata lo scorso anno fuori provincia con la medesima tecnica. Il rilevatore di gas è stato sottoposto a sequestro. I soldi provento della truffa sono stati restituiti alla signora.

Gli arrestati, in attesa del giudizio disposto con il rito direttissimo, sono stati trattenuti presso due camere di sicurezza così come disposto dall’autorità giudiziaria. Sono in corso approfondimenti per verificare eventuali ulteriori responsabilità a carico dei due in merito a una tentata truffa molto simile effettuata poco prima nel portuense, i cui autori si sono dati alla fuga perché smascherati.

Dall’inizio dell’anno, a Ferrara, si sono avuti tre casi di truffe agli anziani, ma questo è il primo commesso con questa tecnica.

L’Arma dei Carabinieri, sempre molto attenta a questa vergognosa tipologia di reato, che colpisce in maniera vigliacca una fascia debole di cittadini, annuncia che a breve e non appena possibile riprenderanno gli incontri sul tema sospesi a causa dell’epidemia.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi