Mar 30 Giu 2020 - 1337 visite
Stampa

Parti di Ferrara privatizzate con i soldi di tutti a beneficio di pochi

Partito democratico e Piazzaverdi critiche sull'utilizzo esclusivo di via Mayr e Giardino Duchesse

Parti della città sono state privatizzate con i soldi di tutti a beneficio di pochi. È quanto lamentano, con eccezioni diverse, Partito democratico e l’associazione Piazzaverdi.

Il primo, per bocca della consigliera Deanna Marescotti fa presente che nei mesi scorsi Piazza Verdi e recentemente il Giardino delle Duchesse sono stati nei mesi scorsi Piazza Verdi e recentemente il Giardino delle Duchesse in seguito ai lavori di riqualificazione progettati e finanziati dalla precedente amministrazione e che condivide la scelta della giunta di concedere ai pubblici esercizi della zona la possibilità di utilizzare gli spazi pubblici come déhors al fine di favorire la ripresa dell’attività economica fortemente penalizzata dalle restrizioni causate dall’epidemia Covid-19.

Il problema però è che si tratta di spazi pubblici, “per i quali deve essere garantita la possibilità di utilizzo da parte della cittadinanza”. Marescotti chiede su questo aspetto “cosa preveda l’accordo di concessione tra il Comune di Ferrara e gli imprenditori locali relativamente alla possibilità che oltre ai clienti le piazze possano essere liberamente utilizzate dai ferraresi”.

Nel Giardino delle Duchesse, infatti, si può sostare solo se seduti ai tavolini, ed è consentito il passaggio – senza possibilità di fermarsi – da piazza Castello e via Garibaldi.

Più marcata la critica di Piazzaverdi, che ricorda che “la città è il Bene comune per eccellenza. La città è, dovrebbe essere, di tutti”: Ma a Ferrara “non è così poiché la giunta di destra, dopo averne ridotta la fruizione, eliminando le panchine in diverse aree verdi, ora sta utilizzando l’emergenza Covid-19 per privatizzare parti del territorio comunale”. L’associazione fa notare che ormai “dall’imbrunire all’alba non è più possibile, in alcuni giorni della settimana, il libero transito in via Carlo Mayr o sostare in piazza Verdi, divenuti luoghi sostanzialmente privati”. Il riferimento è alla recinzione di sicurezza messa in atto nei giorni della movida.

Eppure, sia i recenti lavori di ristrutturazione di piazza Verdi sia l’ordinaria manutenzione anche del tratto “privato” di Carlo Mayr “sono stati e vengono pagati con il denaro pubblico, con i soldi di tutti noi”.

Premesso che “è necessario, a fronte degli effetti economici della pandemia, mettere in atto misure che facilitino la ripresa degli esercizi commerciali e l’indicazione di Governo e Regione, recepita dal Comune di Ferrara, di rendere gratuite e consentire l’ampliamento delle distese esterne, va in questa direzione”, ma “privatizzare parti della città, a beneficio di pochi, è ben altro e può innescare pericolosi automatismi”.

“La giunta – conclude – si appresta anche a buttare al vento ben 400mila euro per recintare diversi parchi urbani. E’ un’idea di città chiusa e basata sull’esclusione, che Ferrara non merita”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. <a target="_blank" href="https://www.iubenda.com/privacy-policy/34911805">Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy</a>.

Chiudi