Ven 29 Mag 2020 - 185 visite
Stampa

Verrà disposta l’autopsia sull’operaio deceduto alla cartiera

Da chiarire se Beltrami sia morto per una folgorazione o a causa di un malore

Mesola. Sarà l’autopsia che verrà disposta dalla procura a chiarire le reali cause della morte di Maurizio Beltrami, l’operaio 60enne che ha perso la vita mercoledì mentre lavorava all’impianto elettrico della cartiera di Mesola.

A differenza di quanto emerso dai primissimi accertamenti, infatti, non vi è la certezza che Beltrami sia morto per folgorazione: si valuta anche la possibilità che sia stato colpito da un malore.

I primi testimoni lo hanno visto che era già accasciato e sarà dunque il medico legale a dover sciogliere ogni dubbio.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi