Sab 23 Mag 2020 - 163 visite
Stampa

Ossigeno per i lavoratori di Mercatone Uno

Il decreto ‘Rilancio’ proroga l'amministrazione straordinaria per altri 6 mesi e anche la cassa integrazione

Ancora 6 mesi di ossigeno per i dipendenti di Mercatone Uno: il decreto ‘Rilancio’ prevede infatti la proroga dell’amministrazione straordinaria – per quelle in scadenza dopo il 23 febbraio – e anche della cassa integrazione.

Per il caso di Mercatone Uno, il mandato dei commissari è in scadenza il 23 maggio, compresa la Cigs. Risultava quindi necessario un supporto giuridico a garanzia della continuità reddituale a tutti i lavoratori e alle lavoratrici e nel contempo, per i commissari, poter continuare a ricercare le prospettive per il futuro degli stessi. L’emergenza sanitaria che ha coinvolto il nostro Paese ha avuto ricadute anche sulle trattative in corso nei mesi scorsi con gli investitori che avevano mostrato interesse e che sono state sospese.

“Ad oggi un solo investitore è rimasto in campo, la società Rica Gest Sr ,con la quale in questi giorni si è raggiunto l’accordo sindacale di passaggio dei 155 lavoratori di 5 punti vendita sul territorio nazionale compreso il punto vendita di San Giuseppe di Comacchio che conta 28 lavoratori – spiega la Filcams-Cgil di Ferrara -. È una prima risposta concreta di rioccupazione che è stata possibile in quanto la manifestazione offerta da parte della società di acquisto vincolante ed irrevocabile, è stata fatta prima della pandemia”.

Ci sono però anche note negative: “Permane l’assenza di risposta da parte dell’Inp per le lavoratrici e i lavoratori che devono ancora ricevere l’integrazione del trattamento di Cigs, stabilita dal decreto Milleproroghe prima dell’emergenza sanitaria, pur essendo già state stanziate le risorse da parte del governo – spiega ancora il sindacato -. A tutt’oggi l’Inps non ha ancora individuato le procedure che devono essere adottate, tanto meno ha dato risposte. È vero che l’emergenza sanitaria e gli impatti conseguenti sui settori economici hanno determinato ulteriori problemi da fronteggiare, ma il Milleproroghe è stato approvato alla fine dello scorso anno ben prima dell’emergenza in corso. È tempo di avere risposte immediate e concrete”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi