Ven 22 Mag 2020 - 619 visite
Stampa

Marco e Diana bloccati in Argentina: “Aiutiamo gli italiani a rimpatriare”

L'emergenza Covid ha messo in grossa difficoltà i due giovani e tanti connazionali all'estero

“Vorremmo rientrare in Italia, il viaggio lo riprenderemo, ma ora chiediamo di aiutare i molti Italiani bloccati in Argentina a poter riabbracciare i propri cari”.

E’ l’appello di Marco Dominici di Fiscaglia e della sua compagna Diana Barbieri di Mantova, impegnati in un lungo viaggio alla scoperta del continente Americano.

Partiti dalla Florida, hanno viaggiato, guidando un Van che loro stessi hanno allestito, fino al punto più a nord del pianeta raggiungibile in auto: Prudhoe Bay in Alaska. Poi verso l’Antartide via terra e mare, attraverso la famosa strada Panamericana, anche conosciuta come l’on the road più lunga del mondo. Un viaggio per immortalare le bellezze e la varietà del nostro Pianeta, per socializzare e conoscere le culture che lo popolano. Diana e Marco sono fotografi, bloggers e youtubers e condividono con il loro pubblico le meraviglie del mondo, facendone una missione nei loro canali socials, in cui si possono seguire le loro avventure, disavventure, sotto il nome di “close to eternity”. Il viaggio per arrivare dall’Alaska a Ushuaia, il punto più a sud del mondo raggiungibile in auto, non è un percorso semplice: sono serviti 662 giorni e 81000 km, tutto via terra e mare, per unire le due estremità del pianeta.

Fra le dissavventure, la rottura della trasmissione automatica del loro veicolo nell’Amazzonia, fermando tutti i camionisti di passaggio per una settimana in cerca di aiuto, due mesi a La Paz a 4100 mt, nel mezzo della guerra civile boliviana, nascosti nel loro van, in un’officina meccanica, attendendo il momento in cui si sarebbero sollevati i blocchi stradali per fuggire in Cile.

“Da 60 giorni siamo parcheggiati in Argentina in un campo sportivo abbandonato, senza avere accesso a servizi come l’acqua calda. Qui sta sopraggiungendo l’inverno e i freddi venti patagonici raggiungono alte velocità, è una delle regioni più ostili dal punto di vista climatico. Siamo anche sprovvisti di una connessione internet wifi, fondamentale per proseguire con il nostro lavoro”.

L’Argentina ha proibito tutti i voli commerciali fino a settembre, lasciando spazio solo per voli di rimpatrio umanitario che partono però da Buenos Aires, e sono quindi irraggiungibili per i due viaggiatori, a 1500 km più a sud e impossibilitati a guidare per via della quarantena che, pur necessaria, ha congelato il Paese.

“Siamo almeno una decina in Patagonia e altri sono nell’estremo nord del paese, tutti troppo lontani per raggiungere la capitale, Buenos Aires, nelle sole 48 ore che intercorrono tra l’emissione dei biglietti e la partenza del volo. Chiediamo che i biglietti siano resi disponibili per la prenotazione con almeno 4 o 5 giorni di preavviso, in modo che a tutti sia data la possibilità di rientrare. E’ infatti impossibile, vista la normativa argentina vigente, che i nostri Consolati ci forniscano il lasciapassare per metterci in viaggio verso Buenos Aires senza avere prima questa prenotazione già confermata. Chiediamo il vostro aiuto per dare voce a tutti i nostri connazionali ancora bloccati all’estero”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi