Ven 22 Mag 2020 - 631 visite
Stampa

Le biblioteche comunali di Ferrara riaprono, ma non tutte

Dalla prossima settimana porte aperte per prestiti e restituzioni all'Ariostea, alla Bassani, alla Rodari e a Casa Niccolini

Pur con settimane di ritardo – almeno rispetto ad altre realtà sia della provincia che regionali – le biblioteche comunali di Ferrara riapriranno presto le porte al pubblico, anche se non tutte sono pronte per farlo subito.

Nelle prossime giornate verrà diffusa adeguata comunicazione sugli orari e sui comportamenti per il prestitito e la restituzione dei libri sia nelle pagine internet delle biblioteche che sulle piattaforme social collegate.

La decisione dell’Amministrazione è stata annunciata durante il tavolo tenutosi giovedì con i sindacati Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e le Rsu del Comune. Per il municipio hanno partecipato l’assessore alla Cultura Marco Gulinelli, il direttore generale Sandro Mazzatorta e i dirigenti del Servizio Biblioteche-Archivi Angelo Andreotti e del Personale Walter Laghi.

Dalla prossima settimana riapriranno dunque le biblioteche Ariostea, Bassani, Rodari e Casa Niccolini, con modalità specifiche, in particolare rispetto al fatto che il sistema di rientro-prestito dei libri avverrà solo su prenotazione. La riapertura avverrà mettendo in atto le condizioni di tutela della salute e sicurezza di ci lavora e degli utenti, a partire dalle dotazioni dei dispositivi di protezione.

Si dovrà invece aspettare ancora per le biblioteche di Porotto e S. Giorgio per via di problemi di carattere organizzativo, legati al fatto che non possiedono locali appropriati per la necessaria decontaminazione dei libri.

“Da parte nostra, abbiamo sottolineato positivamente che si arrivi finalmente alla riapertura del servizio, superando i ritardi verificatisi precedentemente, con le condizioni di tutela della salute per le lavoratrici e gli utenti – affermano Cgil, Cisl e Uil -. Abbiamo peraltro sollevato due punti critici: il primo relativo alla necessità che riaprano in tempi brevi tutte le biblioteche, comprese quelle di Porotto e S.Giorgio, il secondo attinente le carenze occupazionali che persistono, visto che tra il 2019 e il 2020 9 lavoratrici sono arrivate o arriveranno al pensionamento”.

L’Amministrazione comunale, fanno sapere gli stessi sindacati, si è impegnata ad affrontare e risolvere in tempi brevi il tema della riapertura anche delle due biblioteche e che per quanto riguarda la questione dell’occupazione è già iniziato e si completerà il percorso per l’entrata di 5 unità.

“Con l’incontro di oggi, pensiamo si siano compiuti alcuni passi in avanti – affermano i sindacati -. In particolare, si riattiva un servizio che riteniamo importante per la città, per il quale il contributo di chi lavora, che non è mai venuto meno anche nei tempi difficili del coronavirus, e degli utenti è una risorsa fondamentale. Nello stesso tempo, ribadiamo che rimangono aperti problemi significativi. Su questo continueremo la nostra iniziativa e il confronto con l’Amministrazione comunale, con la quale è previsto un nuovo incontro dopo la prima settimana di riapertura”.

“In attesa che tutto venga definito nei minimi dettagli per assicurare la massima sicurezza per tutti, operatori e utenti – afferma l’assessore Gulinelli -, esprimo la mia personale soddisfazione per l’accordo raggiunto in un contesto molto articolato e non facile come quello che stiamo vivendo, giorno per giorno, a causa dell’emergenza sanitaria”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi