Lun 13 Apr 2020 - 2269 visite
Stampa

Bassani a 20 anni dalla sua scomparsa

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il 13 aprile 2020, a venti anni dalla morte di Giorgio Bassani, lo ricordiamo con la sua poesia Rolls Royce, pubblicata in Epitaffio, 1974, che così bene si accompagna al momento surreale che stiamo vivendo in questo Lunedì dell’Angelo. È lo stesso Bassani a leggerla nel 1982, in occasione del premio Bernagozzi a lui assegnato a Portomaggiore. Il video in cui la voce di Bassani accompagna immagini di Ferrara, è stato realizzato dall’Associazione Arch’è, dalla Fondazione Giorgio Bassani e dal Liceo Ariosto.

ROLLS ROYCE

“Subito dopo aver chiuso gli occhi per sempre / eccomi ancora una volta chissà come a riattraversare Ferrara in macchina / -una grossa berlina metallizzata di marca / straniera dai grandi / cupi cristalli forse una / Rolls- / a scendere ancora una volta dal castello Estense giù per corso/Giovecca verso il roseo / ghirigoro terminale della Prospettiva che intanto piano / piano si faceva grande entro il concavo/ rettangolo del parabrise // Lo chauffeur d’alta e dura collottola seduto a dritta davanti / certo lo sapeva molto bene da che parte dirigersi né io d’altronde / mi sognavo minimamente / di rammentarglielo / ansioso com’ero di riconoscere sulla sinistra la chiesa / di San Carlo più in là a destra / quella dei Teatini / a lei di contro già fermi così di buon’ora in crocchio sul marciapiede / dinanzi alla pasticceria / Folchini / gli amici di mio padre quando lui era giovane / i più con larghe lobbie bige in capo alcuni con tanto di mazza / dal pomo d’argento in pugno / ansioso anzi smanioso com’ero insomma di ripercorrere l’intera Main / Street della mia città in un giorno qualsiasi di maggio-giugno / attorno alla metà degli anni Venti un quarto d’ora avanti / le nove di mattina // Quasi sospinta dal suo stesso soffio lussuoso infine la Rolls svoltava / laggiù per via Madama e di lì a poco in via / Cisterna del Follo / e a questo punto ero io non più che decenne / le guance di fuoco per il timore d’arrivar tardi a scuola / a uscire in quel preciso istante coi libri sottobraccio / dal portone numero/ uno / ero io che pur continuando a correre mi giravo indietro/ verso la mamma spenzolata dalla finestra di sopra a raccomandarmi / qualcosa / ero io proprio io che un attimo prima di sparire / alla vista di lei ragazza dietro l’angolo / levavo il braccio sinistro in un gesto / d’insofferenza e insieme / d’addio // Avrei voluto gridare alt al rigido / chauffeur e scendere ma la Rolls / sobbalzando mollemente già lungheggiava / il Montagnone anzi ormai fuori / Porta già volava per strade ampie deserte/ prive affatto di tetti ai lati e affatto / sconosciute“ (Giorgio Bassani, da Epitaffio, 1974)

Arch’è Associazione Culturale Nereo Alfieri
Fondazione Giorgio Bassani

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi