Ven 10 Apr 2020 - 1369 visite
Stampa

Gli esclusi dal bonus-spesa chiedono aiuto alla Caritas

Senza fissa dimora, immigrati con un lavoro a tempo determinato, richiedenti asilo o con un permesso umanitario si stanno rivolgendo alla struttura diocesana per i pacchi-viveri

(immagine d’archivio)

Italiani che prima dell’emergenza vivevano facendo piccoli lavoretti e che ora non possono più farlo, ma soprattutto le persone escluse dal bonus alimentare: senza fissa dimora, immigrati con un lavoro a tempo determinato, richiedenti asilo o con un permesso umanitario. Sono le persone che si stanno rivolgendo alla Caritas di Ferrara per chiedere i pacchi alimentari per poter sopravvivere durante questa emergenza sanitaria che ha aggravato situazioni che già erano in bilico.

Lo riferisce la stessa diocesi di Ferrara-Comacchio che sta continuando, ora più che mai, a fornire la propria assistenza agli ultimi: “Circa 80, nella media, sono ancora le persone che usufruiscono, a pranzo e colazione, dei servizi della mensa, mentre dall’inizio dell’emergenza sono aumentati i pacchi-viveri distribuiti, soprattutto per il maggior afflusso di circensi e giostrai (dei quali, oltre a Caritas, se ne occupa anche il Banco Alimentare)”, si legge nella nota stampa della Caritas diocesana che mantiene attivi tutti i servizi. le docce, la distribuzione di indumenti e pacchi-viveri, la mensa, l’ambulatorio medico e il Centro di ascolto, naturalmente nel rispetto delle regole per quanto riguarda la sanificazione degli ambienti, le distanze tra le persone, l’igiene personale e l’uso di guanti e mascherine.

La Caritas ha deciso anche di allargare i tempi di fruizione della mensa di via Brasavola, adesso aperta due ore al giorno invece di una, i pacchi-viveri vengono distribuiti quotidianamente, mattina e pomeriggio, invece che due giorni alla settimana. Questo per far ‘diluire’ il più possibile l’afflusso di persone, evitando così possibili assembramenti.

È stata anche attivata una linea telefonica per diverse necessità, fra le quali la possibilità di prendere appuntamento per il ritiro dei pacchi-viveri o per riceverli a casa per le persone indigenti che non possono muoversi. Il numero di telefono da chiamare, attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17, è 388-9706494.

A inizio marzo l’Arcidiocesi ha avviato anche un progetto di accoglienza degli operatori sanitari in quarantena. L’accordo stipulato tra la Caritas diocesana e la parrocchia cittadina di Santa Caterina Vegri-Quacchio riguarda un appartamento in via Pacinotti per quattro persone. A tutt’oggi non ci sono state richieste.

Oltre alla distribuzione di pacchi alimentari grazie a comunità come quelle di S. Caterina-Quacchio e S. Agostino, anche la Caritas della parrocchia di San Giuseppe Lavoratore di Ferrara insieme alla farmacia comunale n.10 ha organizzato un servizio di consegna farmaci a domicilio rivolto esclusivamente a persone residenti in zona viale Krasnodar e vie limitrofe. Vengono consegnati farmaci da prescrizione, parafarmaci, alimenti per celiaci e nefropatici. Il numero da chiamare è 0532-903296.

A breve sul sito della Caritas – www.caritasfe.it – sarà disponibile gratuitamente il nuovo libro autoprodotto intitolato “Storie Dal Mondo”, una raccolta di otto storie provenienti da Paesi diversi e tradotte in sei differenti lingue: italiano, inglese, francese, arabo, rumeno, ucraino. “Storie Dal Mondo” è sia in versione scritta sia in versione audiolibro. Il libro nella sua versione cartacea è arricchito dai disegni dei bambini che per primi hanno ascoltato i racconti. Caritas, inoltre, chiede ai bambini di inviare i loro disegni all’indirizzo amici@caritasfe.it, per pubblicarli il prima possibile sul proprio sito.

Queste attività si possono sostenere con un bonifico bancario (causale “Emergenza Coronavirus”): c/c IT 22 S 05387 13005 000 000 006 664 – Intestato a Caritas Diocesana di Ferrara-Comacchio, BPER corso Martiri della Libertà 55, Ferrara.

 

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi