Gio 20 Feb 2020 - 1229 visite
Stampa

Vergani, Lilt e Spal ancora insieme per beneficenza

Torna la cena che vedrà i biancazzurri e l'istituto alberghiero insieme per la lotta ai tumori. Il preside Urbinati: "Non si raccoglieranno solo fondi, ma si parlerà anche di salute alimentare"

di Davide Soattin

L’Iis Vergani e la Spal sono pronti a indossare gli scarpini e scendere in campo per la quarta volta in occasione della cena di beneficenza di Lilt, che si terrà il 26 febbraio, a partire dalle 19.30, nella regale cornice del salone d’onore di palazzo Pendaglia, con l’obiettivo di promuovere attività culturali finalizzate ad alimentare i principi di solidarietà e difesa della salute, valorizzando la ricerca scientifica e la lotta al tumore.

A fare gli onori di casa è spettato a Massimiliano Urbinati che, nelle vesti di dirigente scolastico dell’istituto alberghiera, ha sottolineato l’importanza di iniziative come quella in programma tra una settimana, soprattutto dal punto di vista del benessere fisico: “Per il quarto anno ci rapporteremo con quella che ormai è diventata una piacevole prassi pronta ad arricchirci con nuove esperienze. Non saremo chiamati solamente a raccogliere fondi importanti, ma anche a conoscere e approfondire un aspetto culturale, come quello della salute alimentare, per creare impatto positivo nella comunità”.

Il preside ha poi precisato: “L’idea di salute non deve essere qualcosa a cui pensiamo solo nel momento in cui viviamo un periodo di malattia, ma deve diventare ordinaria amministrazione. Per questo non sarà una semplice cena, ma prima di tutto sarà un modo per cercare di portare un nuovo orizzonte di pensiero. Il mio auspicio è che tutto questo non si esaurisca e che si possano creare altre occasioni di incontro come questa, a difesa, tutela e salvaguardia della salute. La partnership strategica che abbiamo avviato rende la nostra scuola un punto di riferimento, nella speranza che possa dare responsabilità ai giovani, che sono il nostro futuro e avranno il compito di fare meglio di quello che abbiamo fatto noi”.

Il format culinario della serata di beneficenza vedrà gareggiare e sfidarsi tra loro quattro brigate composte rispettivamente da quattro studenti del Vergani frequentanti il quarto e il quinto anno, che saranno impegnati nella preparazione di altrettante portate: dall’antipasto, passando al primo e al secondo, prima di arrivare al dessert.

A giudicarli ci sarà una giuria d’eccezione composta dai 180 commensali che si siederanno a tavola e valuteranno quello che sarà il piatto più buono, in un viaggio per il palato che – come ha spiegato lo chef Liborio Trotta – “vedrà ricette che toccheranno Brasile, Polonia, Italia e Ferrara, andando così a richiamare la città e le diverse nazionalità che stanno alla base di un team come la Spal, che cerca di raggiungere con il lavoro un obiettivo comune”.

Parte del ricavato della cena andrà alla Lilt che, attraverso le parole del presidente Edgardo Canducci, presente insieme a Sergio Gullini e Paola di Paolo, ha rinnovato il proprio impegno nel campo della salute e della prevenzione: “Prevenire è importante e lo si inizia a fare sin da quando si è giovani, soprattutto perché i frutti del bene o del male che ci si è fatti da ragazzi si raccolgono poi da anziani. Noi pensiamo che fare prevenzione sin da subito sia necessario e prima si inizia e meglio è. Avere una corretta alimentazione è già un sintomo di quella che è la prevenzione, tenendo sempre bene a mente l’importanza di sapersi regolare in qualsiasi cosa si faccia”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi