Gio 20 Feb 2020 - 1192 visite
Stampa

Piazza Verdi o prati di Palmirano?

Buongiorno Direttore, visto che la sua rubrica comprende diverse lettere su Piazza Verdi, le propongo di aggiungerne un’altra.

Quanto scritto da Maurizio Bonizzi non fa una piega, ottimo esempio anche da imitare quello di Barcellona, ma purtroppo siamo in Italia e qui iniziano tantissimi problemi, a tal proposito faccio solo qualche esempio.

Là in Spagna, non esistono parlamentari che vanno a far visita di cortesia in carcere a chi ha appena macellato un’appartenente alle Forze dell’Ordine, non ci sono giornalisti che mettono il naso davanti agli scudi di un cordone di Polizia schierato per fare lo scoop, i sindacati non denunciano in modo tardivamente patetico i carabinieri, quindi chi interviene ha la opportuna tutela giuridica, se all’una si deve smettere, si smette, chi non lo fa, ubriaco o sobrio ne paga le conseguenze.

È risaputo che agli ex rivoluzionari da osteria post sessantottini andati al potere dopo il matrimonio con i residuati ex DC da oltre vent’anni a sta parte, sono sempre stati insofferenti verso le Forze dell’Ordine perché etichettati come fascisti e tali ex rivoluzionari purtroppo sono ancora al potere.

La signora Pasquina Ferrari ha perfettamente ragione, ciò che rimane il giorno dopo lasciato da colti uomini e donne spesso futuri avvocati, è più sgradevole di un letamaio e quando i residenti hanno il diritto di riposare si permette loro di riposare, massimo all’una come a Barcellona tutti a nanna, non alle due e molto oltre.

Gli Studenti Indipendenti di Ferrara, lamentano la mancanza di spazi loro dedicati e si chiamano fuori da responsabilità, mentre Europa Verde chiede la ribellione pacifica al grido di “multateci tutti”, ma guarda caso, nessuno ha intenzione di fare come a Barcellona, ovvero, all’una game over e per chi non ha sonno, una bella gita fuori porta ai bellissimi prati di Palmirano, perché cari e benvenuti studenti, la goliardia anche vivace ci sta ma la cafoneria no, proprio non ci sta.

Al di fuori della recente ordinanza che sanziona chi consuma o trasporta bevande alcoliche dopo un certo orario fuori dagli spazi commerciali autorizzati, ricordo che il disturbo del riposo o della occupazione delle persone non è sanzionato da una multa, ma essendo violazione al Codice Penale è punito con l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a trecentonove euro, quindi decide il giudice non il vicesindaco.

Cordiali saluti
Rolando Piva

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi