Gio 20 Feb 2020 - 1838 visite
Stampa

Come funzionano e che cosa sono le polizze assicurative professionali

Le polizze assicurative professionali nascono con l’obiettivo di offrire una copertura per i rischi correlati allo svolgimento di un’attività professionale. La copertura assicurativa della responsabilità civile permette di coprire i danni provocati a terzi a causa di un errore o di un’omissione nel corso dell’erogazione di uno specifico servizio professionale. Le caratteristiche di questa polizza non sono molto diverse da quelle di una polizza RC auto: l’assicurazione per i professionisti è obbligatoria per tutti coloro che sono iscritti a un albo, dai consulenti del lavoro agli avvocati, dagli ingegneri ai medici.

Le polizze professionali nel settore delle vendite

Il consulente finanziario e il mediatore creditizio sono due esempi di professionisti che operano nel settore delle vendite e delle consulenze e che nello svolgimento della propria attività possono provocare danni a terzi. Lo stesso discorso può essere esteso agli agenti immobiliari e agli agenti di commercio.

Quali professionisti hanno bisogno di un’assicurazione professionale?

Nel novero degli ambiti che richiedono il ricorso alle assicurazioni professionali ci sono anche quello ingegneristico e quello tecnico. Le figure professionali che rientrano in tali categorie, come gli architetti e gli ingegneri, devono stipulare polizze per tutelare terzi rispetto a possibili omissioni o errori. Vale la pena di tener presente, in ogni caso, che i danni che possono essere provocati dallo svolgimento di un’attività professionale non sono solo di natura fisica, ma anche di carattere economico. Numerose professioni che fanno riferimento al settore legale fanno parte delle categorie che non possono escludere la possibilità di ritrovarsi alle prese con un danno di questo tipo. Si pensi, per esempio, agli avvocati. Delle omissioni o degli errori commessi da un avvocato nell’esercizio della sua attività professionale si possono concretizzare in danni verso terzi la cui gravità non è da sottovalutare. Ecco, dunque, che tale categoria non può prescindere da una copertura professionale.

ConvieneOnline e le assicurazioni professionali

Chi vuole calcolare il preventivo di una polizza assicurativa di responsabilità civile professionale può approfittare del sito ConvieneOnline.it per ottenere le informazioni di cui ha bisogno. Qui le assicurazioni sono suddivise per aree: c’è quella tecnica, c’è quella contabile e giuridica, c’è quella assicurativa e finanziaria e c’è quella medica. Non vanno dimenticate, però, tutte le altre professioni, dai cacciatori agli agenti di viaggio, passando per gli istruttori e gli insegnanti. La piattaforma offre l’opportunità di scegliere la polizza professionale di cui si ha bisogno all’interno di una vasta gamma: le soluzioni possono essere personalizzate in base alle esigenze, e in pochi clic garantiscono il massimo del risparmio.

Le polizze RC professionali sono obbligatorie?

Come si è capito, per riuscire a esercitare la propria professione senza difficoltà e senza ostacoli è indispensabile poter disporre di una polizza RC professionale che sia valida e affidabile. Ciò permette di beneficiare della massima tutela possibile dal punto di vista assicurativo, per proteggere il patrimonio in presenza di richieste di risarcimento che potrebbero scaturire da una omissione o da un errore commessi dal libero professionista. A partire dal 13 agosto 2013, tutti i professionisti che sono iscritti a un albo sono obbligati a sottoscrivere una polizza professionale, come stabilito dalla Legge n 148/2011.

In quali casi le assicurazioni RC professionali non sono obbligatorie

L’assicurazione professionale, come abbiamo visto, è obbligatoria nel caso in cui il professionista appartenga ad un ordine professionale ed eserciti previa regolare iscrizione ad uno qualsiasi degli Albi Professionali. Il nostro suggerimento è quello di attivare la polizza professionale in tutte le circostanze, indipendentemente dal tipo di inquadramento del professionista. Non importa, quindi, che il soggetto in questione sia un collaboratore e non un dipendente, oppure che eserciti senza partita Iva o non firmi un certo progetto. Tocca ai professionisti, infine, far sapere ai propri clienti quali sono i dettagli della polizza RC vigente.

Messaggio pubbliredazionale

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi